Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Definì “criminali” coloro che aiutano gli stranieri

Forum neonazista: ora indaga la Procura. Aperto fascicolo

I reati: diffamazione e istigazione all’odio razziale

Forum neonazista: ora indaga la Procura. Aperto fascicolo
23/12/2011, 14:12

ROMA - La storia del Forum neonazista di Stormfront finisce nei palazzi della Procura di Roma, che decide di aprirne un fascicolo di indagine. Nel mirino degli inquirenti vi è la pubblicazione, nelle pagine italiane del Forum, di un elenco di nomi, etichettati come “delinquenti italiani” e “criminali”, in quanto aiutano gli immigrati. Molti dei nominativi contenuti nella vera e propria lista divenuta ormai famosa, inoltre, sono molto noti. L’indagine appena avviata, al momento è contro ignoti, ma non ci sono dubbi invece sui reati ipotizzati, che sono di istigazione all’odio razziale e di diffamazione.
È proprio sulla lista e sugli autori di questo ignobile gesto che la Procura di Roma intende fare luce. Il Forum è una costola italiana dell’organizzazione Stormfront, che fa capo all’ex leader del Ku Klux Klan, Don Black. Nelle pagine italiane sono stati pubblicati nomi di politici, magistrati, religiosi, giornalisti e appartenenti al mondo delle associazioni, accusati dal sito neonazista di aiutare gli immigrati per “un tornaconto economico”. Tra le persone prese di mira dal sito neonazista compaiono i nomi del sindaco di Padova Flavio Zanonato, del vescovo di Torino Cesare Nosiglia, del presidente della comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici e anche quello dei giornalisti Gad Lerner e Maurizio Costanzo. E poi ancora, il pm Laura Longo e il presidente dell’Unione musulmani d’Italia, Adel Smith.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©