Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Non era mai accaduto. Campanello d’allarme per Sarkò?

Francia: la sinistra conquista la maggioranza al Senato

Un sorpasso storico, a sette mesi dalle presidenziali

Francia: la sinistra conquista la maggioranza al Senato
26/09/2011, 18:09

PARIGI – È un vento che cambia anche quello d’Oltralpe. Era dal 1958 che in Francia la destra deteneva la maggioranza al Senato, ma ieri qualcosa sembra essere cambiato. Per la prima volta, dopo circa cinquanta anni, è stata la sinistra a conquistare la camera alta del Parlamento parigino. I partiti di centrosinistra (Socialisti, Verdi e Comunisti), infatti, hanno guadagnato 24 seggi al momento del voto: quanto basta per raggiungere la maggioranza di 177 (contro i 153 di cui disponeva prima delle elezioni) su un totale di 348, e non permettere in questo modo al presidente Sarkozy di dormire sonni tranquilli. Il voto è stato il primo dopo l’entrata in vigore della riforma elettorale sul rinnovo della metà dei componenti della camera alta ogni tre anni.
Che piaccia o no, in questo modo il Senato ha inflitto una batosta (e non è roba da poco) al presidente Nicolas Sarkozy che, a soli sette mesi dalle elezioni presidenziali, si trova stretto tra la vittoria dell’opposizione e lo scandalo “Karachi”, chiamato in causa dal dossier sui fondi neri dal traffico di armi in Pakistan, quando era portavoce del governo Balladur. Non era mai accaduto nella storia francese, infatti, un sorpasso storico di tale portata, che rappresenta un grosso e preoccupante smacco per Sarkozy e il suo governo. Una “grave sconfitta per Sarkozy”, ha detto al riguardo il candidato alle primarie socialiste, Francois Hollande, che ha definito i risultati “una decomposizione del sistema politico”.
Concretamente la sconfitta della destra non dovrebbe creare troppi impedimenti all’azione del governo, dal momento che il Senato francese dispone di poteri decisamente inferiori rispetto all’Assemblea Nazionale (camera bassa), dove la destra continua a conservare la maggioranza, ma tuttavia la batosta di ieri per il presidente Sarzozy rappresenta un vero e proprio campanello d’allarme, che non va sottovalutato.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©