Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Frattamaggiore, 2 arresti per ricettazione


Frattamaggiore, 2 arresti per ricettazione
11/06/2011, 15:06

Ieri sera, gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza “Frattamaggiore”, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, D.C. 20enne di Frattamaggiore e P.G. 20enne di Orta di Atella (Ce), in quanto ritenuti gravemente indiziati di ricettazione in concorso tra loro.

Verso le 20.45, in via Roma di Frattaminore, i poliziotti hanno notato i due giovani che transitavano in sella a due motocicli. P.G. era in sella ad uno scooter e con il piede spingeva un’ Honda a motore spento su cui era seduto D.C.. Entrambi, ben noti per i loro precedenti penali, hanno insospettito i poliziotti che hanno pertanto deciso di fermarli per controllarli.

All’intimazione dell’alt, D.C. ha abbandonato al suolo il veicolo ed è scappato a piedi verso il centro di Frattaminore, mentre Grimaldi ha accelerato l’andatura dirigendosi verso Orta di Atella (Ce) facendo perdere brevemente le proprie tracce.

I poliziotti son pertanto scesi dall’autovettura di servizio ed hanno inseguito D.C. sino a raggiungerlo e a bloccarlo.

In seguito ad un rapido accertamento, il motociclo abbandonato prima della fuga è risultato essere stato rubato a Frattamaggiore 30 minuti prima.

Gli agenti si sono pertanto recati presso l’abitazione del complice di Orta di Atella ubicata in Via Fanzago senza trovarlo. Hanno quindi proceduto ad una perquisizione locale alla ricerca di indizi. Nella camera da letto del giovane, ben occultata nella tasca di un paio di jeans, hanno infatti trovato la chiave di un box auto. Raggiuntolo subito, in quanto ubicato all’interno dello stesso stabile dell’appartamento, vi hanno rinvenuto lo scooter utilizzato dal ragazzo mentre spingeva il complice, un altro scooter con il blocchetto di accensione rotto, la targa di una altro motociclo e due chiavi sempre di scooter. In un altro box, attiguo al primo e la cui serranda era priva di serrature, i poliziotti hanno trovato altri due scooter. Grazie ad un rapido accertamento è stato quindi costatato che tanto la targa quanto i motocicli rinvenuti erano tutti frutto di rapine e furti.

Sono stati quindi contattati i proprietari delle moto sequestrate ed in sede di denuncia non sono emersi elementi per attribuire ai due giovani i reati di furto e rapina. I mezzi sono stati pertanto restituiti ai legittimi proprietari.

In attesa del rintraccio di P.G., i poliziotti hanno pertanto proceduto al fermo di D.C. per ricettazione e lo hanno condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Poco dopo, P.G. si è spontaneamente presentato in Commissariato accompagnato la proprio legale ignaro di quanto rinvenuto dai poliziotti a suo carico. Il 20enne è stato quindi anch’egli sottoposto a fermo per ricettazione e subito condotto a Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©