Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Frattamaggiore, arrestato stalker


Frattamaggiore, arrestato stalker
25/03/2011, 12:03

Una relazione sentimentale che si era tramutata in un incubo, conclusosi nel pomeriggio di ieri, grazie all’intervento tempestivo degli agenti del Commissariato di P.S. “Frattamaggiore” che hanno salvato dalla brutalità del suo ex fidanzato una donna di 33 anni, arrestando un pregiudicato di 35anni.

L’uomo, dopo aver conosciuto la vittima un anno e mezzo fa circa, aveva intrapreso con lei una relazione sentimentale ma questa, accortasi dell’indole violenta del fidanzato, anche in virtù del fatto che, in più di una circostanza, al suo rifiuto di avere rapporti sessuali, lui la costringeva picchiandola, l’aveva lasciato.

Lo stalker, da circa tre mesi, stava perseguitando la ex, con telefonate e minacce, con il chiaro scopo di ritornare insieme e, pur non concordando con la donna alcun appuntamento, l’uomo era sempre presente sul suo cammino, ogni qualvolta la malcapitata usciva da casa.

Nella tarda mattinata di ieri, lo stalker ha notato la sua ex in Frattamaggiore, in Via Vittorio Emanuele III, nei pressi dell’Istituto scolastico Guglielmo Marconi, dove la donna si era recata per prendere il figlio, l’ha avvicinata aggredendola e malmenandola con pugni e calci.

Gli agenti dei “Falchi” del Commissariato di P.S. Frattamaggiore ed una pattuglia della squadra giudiziaria, in transito nella zona, notata l’aggressione, sono prontamente intervenuti, arrestando lo stalker e sequestrando un coltello a serramanico, che l’uomo stringeva tra le mani mentre sferrava schiaffi e pugni alla sua ex.

La vittima, visibilmente provata e sconvolta, è stata condotta dai poliziotti al vicino ospedale, dove le sono state diagnosticate escoriazioni al collo ed evidente stato di agitazione, guaribile in 5 giorni.

Il 35enne finito in manette è il  fratello di Michele ucciso in un agguato nel 1998 e che gestiva una ditta di onoranze funebri, fu arrestato per l’omicidio di Alessio VANACORE.

I poliziotti hanno arrestato l’uomo perché responsabile dei reati di lesioni personali, atti persecutori (stalking), porto abusivo di arma da punta e taglio, nonché denunciato in stato di libertà per i reati di violenza sessuale e violenza privata, conducendolo al carcere di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©