Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fregene, rapina in villa Angelucci: evitato sequestro

Carabinieri allertati dalle urla di un vicino.

Fregene, rapina in villa Angelucci: evitato sequestro
01/08/2013, 10:49

ROMA - Brutto episodio per l'onorevole Antonio Angelucci. Nella sua villa di Fregene si è registrata l'ennesima rapina a mano armata, modalità abbastanza frequente negli episodi di cronaca della provincia di Roma. Quattro uomini, probabilmente di nazionalità rumena, armati e col volto coperto da passamontagna, sono entrati nell'abitazione, che in quel momento era sorvegliata da una guardia armata. Quest'ultima è stata aggredita alle spalle, tramortita e poi legata con delle catene. Al momento della rapina in casa si trovavano la figlia di 4 anni di Angeluccie la tata romena. L'onorevole era a cena con la sua compagna e degli amici. La tata ha rivelato di aver chiesto aiuto ai maliventi nella sua lingua, ed ha avuto l'impressione di essere capita. I rapinatori le hanno chiesto dove fosse la bambini, ma sono subito passati a picchiarla, immobilizzarla e a portarla al piano sottostante. Mentre risalivano al piano superiore, un vicino di casa, allertato dalle grida della tata, ha chiamato i carabinieri e a sua volta ha fatto di tutto per allontanare gli aggressori. Infatti i rapinatori, a quel punto, sono fuggiti a bordo della Ferrari dello stesso Angelucci e si sono dileguati. Non è escluso un tentativo di sequestro, in base alle modalità della rapina.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©