Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Furti all'Arenaccia, ladro si consegna ai carabinieri


Furti all'Arenaccia, ladro si consegna ai carabinieri
19/12/2009, 14:12


NAPOLI - Questa mattina, presso gli uffici del Commissariato P.S. Vasto-Arenaccia, si è consegnato Vincenzo Maglione a cui è stato notificato un Provvedimento di Fermo per il reato di tentato omicidio ai danni di un agente di Polizia, lesioni personali, rapina, furto aggravato e resistenza a Pubblico Ufficiale. Maglione era da tempo sospettato di essere l’autore di numerosi furti all’interno delle autovetture in sosta presso il Centro Direzionale quando il due dicembre era stato sorpreso dagli agenti del Commissariato Vasto-Arenaccia in un garage nel corso dell’ennesimo furto. A bordo della sua Lancia Y di colore nero Maglione non solo non aveva ottemperato all’ordine di fermarsi impartito dai due agenti, ma addirittura ne investiva uno per aprirsi una via di fuga.

Subito dopo la fuga si era presentata presso gli uffici del Commissariato la moglie di Maglione per denunciare il falso furto dell’automobile con la quale il marito poco prima aveva investito l’agente di Polizia. La donna era stata immediatamente denunciata in stato di libertà per simulazione di reato.
Sentitosi tuttavia alle strette e per evitare l’emissione di un provvedimento cautelare, decideva di presentarsi in Commissariato facendo decadere il pericolo di fuga. Nell’occasione veniva deferito in stato di libertà.
Successivamente il P.M titolare delle indagini, tenendo conto di tutti gli elementi accusatori presentati dalla Polizia, ha emesso un provvedimento di fermo per i reati di tentato omicidio, lesioni personali, rapina, furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.
A questo punto, pressato dall’attività investigativa esercitata su di lui e sulla sua famiglia, Vincenzo Maglione si è presentato nuovamente presso il Commissariato Vasto-Arenaccia in compagnia del proprio legale ed ha ricevuto la notifica del provvedimento di fermo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©