Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Volevano servire un cocktail “di annata”

Furto clamoroso in Cile: rubano 5 tonnellate di ghiaccio millenario


Furto clamoroso in Cile: rubano 5 tonnellate di ghiaccio millenario
01/02/2012, 16:02

Un furto così clamoroso non si era ancora sentito. Accade ad Aysen in Cile. Un nutrito gruppo di uomini ha pensato bene di prelevare dal ghiacciaio millenario Jorge Monnt, situato nel Parco Nazionale Bernardo O'Higgins della Patagonia locale, ben cinque tonnellate di ghiaccio, destinate ad essere trasformate in “più pratici” cubetti per rinfrescare invitanti mojitos e daiquiri. La zona più fredda del Parco O'Higgins, da cui probabilmente è stato prelevato il ghiaccio, è raggiungibile solo via mare dopo ben quattro ore di navigazione. Il porto più vicino è Caleta Tortel, un piccolo villaggio sperduto che si può raggiungere solo percorrendo 128 chilometri di strada sterrata. Impresa audace e inedita dunque, quella dei “nostri prodi” che, con loro presumibile rammarico, è stata scoperta per tempo arrestando la corsa del tir che trasportava il ghiaccio ridotto in pezzi e chiuso in buste di platica."È la prima volta che scopriamo un caso di questa natura", ha sottolineato il procuratore Josè Moris. Il carico sequestrato avrebbe un valore di 3,5 milioni di pesos, circa 7.000 dollari. L'autista è stato fermato ed ha confessato di averlo acquisito da pescatori della zona. Sempre secondo i media, il giudice sta esaminando se incriminarlo per "furto semplice" o per reato "contro il patrimonio culturale" del Paese. C’è da chiedersi: <<chi sarà il destinatario di questo singolare, quanto esclusivo carico?>>.Il Jorge Montt è uno dei 49 ghiacciai che si trovano nel cosiddetto Campo de Hielo Sur che condividono Cile e Argentina. Secondo quanto hanno comunicato i media il giudice sta valutando se accusare l’autista di furto semplice o se incriminarlo per “reato contro il patrimonio culturale” del Paese. Il ghiaccio confiscato sarà fatto sciogliere ed utilizzato per soddisfare il bisogno idrico di un’azienda agricola della regione, dove da alcune settimane imperversa la siccità. Non ci cada nello sconforto chi aveva fantasticato di poter sorseggiare un “cocktail d’altri tempi”!

 

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©