Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo quello di Fincantieri un altro traguardo occupazionale

Fusione tra Asm e Multiservizi: salvati 150 posti di lavoro


Fusione tra Asm e Multiservizi: salvati 150 posti di lavoro
31/12/2010, 09:12

CASTELLAMMARE DI STABIA- Dopo la questione dell’indotto Fincantieri l’amministrazione comunale di Castellammare di Stabia mette a segno un’altro importante traguardo: è stata siglata infatti la fusione tra Asm e Multiservizi. Soddisfatto il sindaco Luigi Bobbio che ha affermato:“Sono orgoglioso di essere il sindaco che ha portato a compimento un percorso di capitale importanza per la città e per i lavoratori della Multiservizi. L’approvazione, da parte del Consiglio comunale, della delibera sulla fusione tra Asm e Multiservizi è un atto politico e amministrativo fortemente voluto non solo da me, ma dall’intera maggioranza, che concretizza un’operazione di eccezionale livello imprenditoriale distante milioni di anni luce dallo stile assistenzialistico delle precedenti Amministrazioni, che avevano ridotto la Multiservizi nelle condizioni attuali, generando un danno gravissimo alla città e ai lavoratori”. “L’alternativa era chiara fin dall’inizio: o il fallimento della società, con conseguente perdita di più di 150 posti di lavoro, o la fusione, con la prospettiva di una nuova e sana politica industriale. “L’obiettivo finale che sarà presto raggiunto”, ha concluso il sindaco di Castellammare di Stabia, “è quello di rinsaldare la stabilità dei posti di lavoro, di rinforzare la società e di dare finalmente a Castellammare di Stabia un servizio raccolta rifiuti di altissimo livello. Ringrazio, in particolare, la dott.ssa Monica Baldassarre, amministratore unico della Multiservizi, per l’eccezionale lavoro svolto finora e per quello che svolgerà, da oggi in poi, alla guida della nuova società, avendo subito dato prova delle sue enormi capacità e avendo consentito all’attuale Multiservizi di chiudere per la prima volta, in pareggio, in tutta la sua storia, il bilancio”.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©