Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Condannato a 30 mila euro più 10 mila di risarcimento

Gandolfini, organizzatore del Family Day, condannato per diffamazione


Gandolfini, organizzatore del Family Day, condannato per diffamazione
11/06/2019, 10:24

VERONA - Il Tribunale di Verona ha condannato per diffamazione Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato "Difendiamo i nostri figli" e organizzatore del Family Day. Gandolfini è stato condannato a 4 mesi di reclusione, trasformato in una multa di 30 mila euro (cosa possibile per le sentenze inferiori ai 6 mesi, al ritmo di 250 euro al giorno, ndr). Inoltre dovrà risarcire 7000 euro di risarcimento all'Arcigay e 3000 euro all'allora presidente Flavio Romani, oltre al pagamento delle spese processuali. Inoltre, l'Arcigay e Romani potranno aprire un nuovo processo civile per ottenere un risarcimento maggiore di quello stabilito. 

La condanna è dovuta al fatto che Gandolfini, nel 2015, durante un comizio disse che " tra le 58 identità di genere approvate da Arcigay e tra cui era possibile optare su Facebook per connotare il proprio profilo, c'è anche la pedofilia". Una affermazione assolutamente falsa, ma che risponde ai pregiudizi degli omofobi che sovrappongono pedofilia e omosessualità. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©