Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Chiesti massima pena e 10 milioni di risarcimento

Garlasco: il 18 arringhe da concludere, sentenza il 30


Garlasco: il 18 arringhe da concludere, sentenza il 30
09/04/2009, 21:04

E’ stato aggiornato al 18 aprile il processo, con rito abbreviato, che vede imputato Alberto Stasi per l’omicidio di Chiara Poggi, a Garlasco. Alla prossima udienza concluderanno le difese del giovane e ci saranno le repliche di accusa e parte civile. Il gup di Vigevano, Stefano Vitelli, si chiuderà in Camera di consiglio il 30 aprile per decidere la sentenza su Stasi. L’udienza di oggi si è conclusa dopo circa sei ore di arringa da parte degli avvocati Angelo Giarda e Giuseppe Colli, che non sono riusciti a terminare i loro interventi. Per questo motivo è stata fissata una ulteriore udienza, oltre a quella già prevista per il 18 aprile, data in cui gli avvocati concluderanno le arringhe e sarà dato spazio ad eventuali repliche da parte del Pubblico ministero. Richiesta la pena di trenta anni, ovvero il massimo della pena per un processo con rito abbreviato, per la gravità e la intenzionalità del reato. Il legale della famiglia Poggi ha chiesto dieci milioni di euro come risarcimento.

Il 30 aprile potrebbe però non essere la data decisiva per il processo. La sentenza, infatti, potrebbe ulteriormente slittare nel caso che il gup disponga di una o più perizie su punti che ritenga debbano essere ancora chiariti.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©