Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gatti cavie per smercio di sangue, parla Di Cosmo


Gatti cavie per smercio di sangue, parla Di Cosmo
02/02/2010, 16:02


ROMA - Gatti rapiti o acquistati per essere poi destinati alle trasfusioni di sangue. Un traffico orribile che dilaga in Italia e che interesserebbe anche Roma, città famosa per le sue colonie feline. "Si tratta dell'ennesima conferma della disumanità di alcune persone spesso preposte alla tutela degli animali, come gli allevatori, che agendo contro la normativa vigente traffica il sangue di questi bestiole", commenta il responsabile per la Tutela degli animali dell'Italia dei Diritti, Marco Di Cosmo.
Sarebbe questo nuovo mercato il motivo della scomparsa di migliaia di gatti secondo la denuncia della Aidaa, Associazione Italiana per la Difesa di Animali e Ambiente. Gatti trasformati in donatori per creare una vera e propria banca del sangue a cui attingerebbero, a loro insaputa, diverse strutture veterinarie. "Ci vorrebbero più associazioni come l'Aidaa, una delle poche che fa denuncia, per contrastare fenomeni come questo", continua l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro.
La scoperta è stata fatta dopo alcune segnalazioni di persone che hanno pagato oltre 100 euro per sottoporre il loro gatto a una trasfusione. "Condanno ogni forma di sfruttamento e tortura nei confronti degli animali, soprattutto se d'affezione, perché non sono oggetti o merci su cui speculare - conclude De Cosmo -. Solo rendendo note queste tragedie si può sensibilizzare l'opinione pubblica contro tali pratiche inumane".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©