Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La vittima stava per rivelare due relazioni da scoop

Gay massacrato a Firenze, probabile delitto preventivo

I due amanti sono personaggi noti, sposati e con figli

Gay massacrato a Firenze, probabile delitto preventivo
16/12/2010, 10:12

FIRENZE - Giovanni Coli, omosessuale di 55 anni, è stato massacrato a coltellate. Fin da subito, il delitto di cui è stato vittima, è apparso agli inquirenti di tipo preventivo.
Come conferma anche Affaritaliani.it, infatti, durante un'intervista rilasciata a Radio Studio 54 di Scandicci, l'ex parrucchiere fiorentino aveva parlato di due italiani 45enni che frequentava da qualche tempo e che, a quanto pare, facevano parte della Firenze bene ed erano sposati e con figli. Il proprietario dell'emittente radiofonica, Guido Gheri, ha raccontato inoltre dei "due nomoni" che sono stati fatti dalla vittima a microfoni spenti. Non è un caso, dunque, che gli inquirenti abbiano pensato di sequestrare il nastro sul quale è incisa quella che potrebbe essere la registrazione-movente dell'omicidio.
Lo stesso Gheri, quasi sicuramente, sarà ascoltato come teste già nella fase delle indagini preliminari. Ma Coli non è stato l'unica vittima: gli assassini hanno infatti tolto la vita anche alla madre Bruna Boldi. Per tentare di ricostruire un puzzle che risulta fin dai primi pezzi incredibilmente torbido, i pm hanno disposto le indagini tra gli ambienti omosessuali fiorentini. In particolar modo sono stati sentiti Dario e Ruggiero, altri due uomi che su Affaritaliani vengono indicati come partner del 55enne.
Intanto la scientifica ha prelevato alcuni oggetti personali della vittima che, dopo un'accurata analisi, potrebbero aiutare a comprendere l'identità dell'assassino. Gli agenti hanno rinvenuto anche l'agendina nera della quale, tre settimane prima, Coli aveva parlato con gli speaker della radio. In quella rubrica, stando a quanto l'uomo ha riferito circa tre settimane fa, venivano annotati i numeri di telefono di tutti gli amici e dei partner. Se due degli amanti di Coli sono effettivamente uomini molto noti della Firenze bene, gli inquirenti non impiegheranno molto tempo prima di operare i dovuti collegamenti per arrivare al responsabile (o ai responsabilI) del duplice omicidio.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©