Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gazebo di protesta a Foggia contro la crisi economica


Gazebo di protesta a Foggia contro la crisi economica
29/11/2011, 16:11

Ieri 27 novembre 2011 si svolto a Foggia un gazebo di protesta conto la crisi economica e contro il governo Monti. Gazebo orgnizzato dal Coordinamento Geografico del Sud Italia del Movimento Patria Nostra, dalla Federazione Pugliese del Movimento Nazional Popolare, e dai Movimenti Nuovo Ordine Nazionale, Forza Nuova e Uno di Noi. La presenza dei movimenti antagonisti in piazza a destato molta curiosità tra le persone, infatti molti di loro si sono fermati a parlare con noi, e tutti erano delusi dall'attuale crisi economica e politica che sta attraversando l'Italia, e dicevano che anche se e cambiato il Governo sicuramente non miglioreranno le cose, ma anzi la gente crede che sarà peggio di prima ed e convinta che a pagare saranno ancora una volta i cittadini come succede sempre. Foggia come tutto il resto d'Italia e stanca di essere umiliata e martorizzata dalla casta politica che ci governa da oltra sessant'anni! La gente non nè può più di false promesse fatte da questi quattro politicanti che pensano solo ai propri interessi e non al bene del popolo italiano. L'Italia ha bisogna di un vero cambiamento, ha bisogno di una vera alternativa a questa casta politica corrotta e corruttrice che non fa altro che portare la Nazione verso il baratro e facendola diventare un paese da terzo mondo. Noi del Movimento Patria Nostra, insieme al Nuovo Ordine Nazionale, Forza Nuova, Movimento Nazionale Popolare, e Uno di Noi abbiamo iniziato un percorso comune, un persorso che e aperto con chiunque a cuore il bene del popolo italano, ma un percorso chiuso a tutti quei gruppi collusi o che collaborano con il PDL e ciarpame simile. Hanno lasciato la nostra Patria in mano alle banche, hanno ucciso i lavoratori, stanno affamando i pensionati. E il momento del cambiamento!!! Non possiamo lasciare morire l'Italia! Noi abbiamo il coraggio di reagire, ma gli altri dove sono? Ridiamo colore all'Italia!!

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©