Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Sottratti alla malavita anche paia di scarpe

GDF Avellino sequestra sigarette di contrabbando


GDF Avellino sequestra sigarette di contrabbando
10/03/2009, 09:03

In relazione all’aumento dei sequestri di tabacchi lavorati esteri che negli ultimi tempi ha caratterizzato l’azione delle Fiamme Gialle di Caserta e di Napoli, anche in provincia di Avellino specifiche indicazioni per un efficace contrasto al traffico di sigarette sono state al riguardo fornite da parte del comandante provinciale, colonnello Mario IMPARATO con una intensificazione dei servizi lungo le direttrici stradali che dall’est Europa, attraversando anche l’Irpinia, sembrano alla base dei rifornimenti del mercato campano.
 
Il timore di ripresa di quel contrabbando di “bionde” che negli anni passati aveva attirato l’attenzione dei sodalizi criminosi per la sua elevata renumeratività economica sembra, allo stato, vieppiù corroborato dalle statistiche che oggigiorno vedono soggetti appartenenti a nazioni dell’est europeo sempre più coinvolti in attività illecite.
 
 
In tale contesto, nella mattinata odierna, militari della Compagnia di Avellino, agli ordini del capitano Salvatore SERRA, hanno sottoposto a controllo presso l’area di servizio “Irpinia” dell’autostrada A-16 un pullman di linea che proveniente da Napoli, era diretto nel foggiano. Nel controllare il vano bagagli, tra i numerosi colli ivi custoditi i finanzieri hanno rinvenuto 2 valigie di grandi dimensioni e 2 pesanti borsoni in plastica che risultavano contenere, rispettivamente, 133 stecche di sigarette (per un peso complessivo di quasi 30 chilogrammi) e quasi 50 pezzi tra scarpe ed altri capi di abbigliamento recanti, abilmente contraffatti, i logo di famose griffe internazionali.
 
 
Le particolari modalità adottate da alcune tra le ditte di trasporto spesso non consentono di ricondurre il bagaglio al passeggero, asseritamente per motivi di carattere organizzativo (ma più probabilmente per evitare costi assicurativi che, se collegato al biglietto, imporrebbero un risarcimento in caso di incidente/smarrimento del collo trasportato): nel caso di specie la compagnia di trasporti proprietaria del pullman oggetto del controllo rientrava tra quelle che per cui non era prevista, all’atto dell’emissione del biglietto, la corrispondenza tra bagaglio e passeggero per cui, non essendo stato in grado l’autista del mezzo di indicare chi fossero i possessori delle valigie e dei borsoni, i colli sono stati sequestrati nei confronti di ignoti.
 
Le sigarette sequestrate recavano tutte indicazioni in caratteri cirillici, denunciando così palesemente la loro origine da paesi dell’est europeo, con una ulteriore valenza negativa per il consumatore in considerazione della non intelligibilità di scritte ed avvertenze, così come invece previsto a livello europeo. Specifici accertamenti sono stati avviati, anche a in campo internazionale, onde poter eventualmente inserire il quantitativo di “bionde “ sequestrato in filoni di traffico allo stato oggetto di indagini anti-contrabbando da parte di altri reparti del Corpo.
 
Al di là del risultato conseguito con il sequestro odierno (di particolare rilevanza anche per il suo quantitativo), l’operazione conferma l’attenzione delle Fiamme Gialle nei confronti di un fenomeno che per anni ha tristemente rappresentato una vera e propria emergenza sociale.
 
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©