Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le celebrazioni sul lungomare Caracciolo

GdF: Napoli festeggia il 235° anniversario del corpo


GdF: Napoli festeggia il 235° anniversario del corpo
25/06/2009, 13:06

Hanno avuto luogo sul lungomare Caracciolo, in corrispondenza della Rotonda Diaz, le tradizionali celebrazioni in occasione dell'anniversario di fondazione del corpo della Guardia di Finanza, il 235° quest'anno, presiedute dal generale Vito Bardi, comandante interregionale dell'Italia Meridionale. Fondato nel 1774, il corpo militare delle Fiamme Gialle vanta una lunghissima tradizione, costellata di riconoscimenti al merito per aver garantito la sicurezza della cittadinanza con il costante impegno nella lotta agli illeciti fiscali, alle truffe, alla contraffazione di merci, e nella tutela dell'ambiente. In particolare, la lotta alla contraffazione "con 934 interventi, quattordici persone arrestate e il sequestro di oltre 8,2 milioni di capi, con un incremento del 119% rispetto all'analogo periodo del 2008" ed inoltre il sequestro di "beni alla criminalità organizzata per circa 186 milioni di euro", risultati conseguiti nei primi mesi del 2009, sono le operazioni che maggiormente inorgogliscono il comandante interregionale Bardi. Alla cerimonia erano presenti le autorità del panorama politico di Napoli, dal sindaco Iervolino al prefetto Pansa, dal sottosegretario all'Economia e alle Finanze, Nicola Cosentino, al neoeletto presidente della Provincia partenopea, Luigi Cesaro, dal questore Giuffré al procuratore Lepore, fino all'Arcivescovo della Diocesi di Napoli, mons. Crescenzio Sepe. Tutti i presenti hanno espresso apprezzamento nei confronti dell'attività condotta con successo dai finanzieri per contrastare la criminalità e nello specifico, ha sottolineato Cosentino, "la lotta all'evasione fiscale, con oltre 31mila verifiche che hanno portato alla scoperta di quattromila evasori totali, e il sequestro di sostanze stupefacenti sono il fiore all'occhiello dell'attività della Guardia di Finanza nella Regione Campania" e testimoniano la duttilità del corpo e la sua capacità di sopravvivere ai mutamenti sociali determinati dalla globalizzazione dell'economia. Anche la Iervolino ha espresso soddisfazione per "i risultati ottenuti dalla Guardia di Finanza nella lotta all'evasione fiscale" che in Campania rappresenta "l'anti-Stato", e al traffico di sostanze stupefacenti. Attività che, come ha evidenziato alla fine della cerimonia il cardinale Sepe, testimoniano la presenza dello Stato accanto ai cittadini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©