Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

GDF: Sequestrata area di 6.000 mq, un locale deposito e una tettoia metallica


GDF: Sequestrata area di 6.000 mq, un locale deposito e una tettoia metallica
22/10/2013, 12:19

EBOLI - I Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Eboli, 2^ Nucleo Operativo di Battipaglia, nell’ambito della costante attività di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione e alla repressione degli illeciti di natura ambientale hanno sottoposto a sequestro, nel Comune di Campagna(SA), una vasta area di circa 6.000 mq adibita a “discarica abusiva” nonché una grossa quantità di rifiuti solidi di vario genere quali pneumatici usati, parti di ricambio per autoveicoli, mezzi pesanti dismessi, materiale ferroso.
Il materiale depositato proveniva da alcuni operatori commerciali i quali, distintamente, nell’esercizio della propria attività di impresa, producevano scarti di lavorazione e stoccaggio di materiale.
Il complesso immobiliare concesso in uso, consistente in un locale deposito ed in un’imponente tettoia su struttura metallica, da contestuali accertamenti eseguiti presso il competente Ufficio Urbanistica, è risultato essere stato realizzato in virtù di concessione edilizia rilasciata per scopi agricoli. La difformità rispetto allo stato di fatto, quindi l’uso per finalità commerciali in luogo di quelle agricole, ha indotto i militari operanti ad applicare le norme previste dal D.P.R. 380/2001 assimilando la realizzazione ad una “lottizzazione abusiva” e procedendo, con tale motivazione, al sequestro anche in applicazione a detto disposto normativo.
Denunciati all’autorità giudiziaria la proprietaria del complesso immobiliare, il marito di costei, operatore commerciale e cointestatario del locale deposito, ed altri quattro titolari di ditte.
L’attività che rientra nell’ambito del più ampio contesto del controllo economico del territorio, rappresenta un’ulteriore riprova del quotidiano impegno profuso dalla Guardia di Finanza a tutela della legalità e della salute dei cittadini.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©