Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gemellaggio tra Lampedusa e Bassano del Grappa


Gemellaggio tra Lampedusa e Bassano del Grappa
06/05/2011, 09:05

La costruzione di un futuro condiviso all'interno di un Paese diviso. Questo l'obiettivo del gemellaggio tra le comunità di Lampedusa e Linosa e quella di Bassano del Grappa, già concretizzatosi in una serie di iniziative e che è stato siglato oggi a Roma presso la Camera dei Deputati nell'ambito del convegno organizzato dall' Associazione Dialoghi Asolani dal titolo: il futuro del Mediterraneo. Democrazia, lavoro, internet, durante il quale il professore Pietro Busetta, assessore a Lampedusa, ha presentato una relazione dal titolo: Italia piattaforma logistica del Mediterraneo.

Alla presenza del ministro dei Beni Culturali Giancarlo Galan, è stato formalizzato il gemellaggio tra le due comunità rappresentate dall'ingegnere Alessandro Fabris, assessore allo sport, turismo ed attività economiche per il comune di Bassano del Grappa e dall'economista Pietro Busetta, assessore alla programmazione e sviluppo economico del comune di Lampedusa e Linosa. Le due comunità, caratterizzate dalla stessa cultura d'impresa, vogliono rappresentare i campioni dell'accoglienza e dell'integrazione.

Questo il senso del gemellaggio che si svilupperà in svariate direzioni e contenuti: scambi di visite scolastiche con un tema specifico; contributo di ciascuna comunità rispetto all'unità d'Italia. Due incontri, uno a Lampedusa sull'immigrazione e uno a Bassano sulla integrazione. Ulteriore valorizzazione dei due monumenti simbolo : la porta d'Europa di Mimmo Paladino a Lampedusa e il Ponte degli alpini di Bassano. Il 2, 3 e 4 giugno a Bassano del Grappa sono stati invitati i ragazzi della quarta classe del liceo di Lampedusa all'incontro organizzato dall'Associazione Dialoghi Asolani.

"E' stato un incontro interessante - ha dichiarato l'assessore Busetta - perché si é messo in evidenza come l'Isola sia tornata alla normalità ed è pronta ad accogliere gli ospiti italiani". Busetta ha rivolto un invito particolare a tutti i veneti affinché scelgano l'isola di Lampedusa che è collegata benissimo con tutto il nord italiano e ha invitato il Ministro Giancarlo Galan a Lampedusa per dare il messaggio all'Italia che l'isola è anche uno scrigno di beni culturali.

"L'isola è abitata da sempre - ha aggiunto Busetta - tanto che c’è un villaggio neolitico o la necropoli paleocristiana più grande del Mediterraneo, anche se fino adesso sono state poco valorizzate".

II Veneto e la Sicilia sono due realtà che hanno grandi tradizioni di emigrazione e che in questa occasione si sono ritrovate per un progetto condiviso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©