Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Paura per le altre province della Liguria

Genova: il giorno dopo si contano i danni


Genova: il giorno dopo si contano i danni
05/11/2011, 10:11

GENOVA - Il giorno dopo la tragedia che a seguito del violentissimo nubifragio di ieri, oltre a contare morti e feriti, la città di Genova , deve fare i conti  anche con  un considerevole numero di danni. Stamane, alle sette,    è  scattato   il divieto di circolazione in città,   disposto dal sindaco Marta Vincenzi.  La città si è risvegliata sotto un cielo grigio e con un forte vento di scirocco.  Deserte le strade, dove circolano soltanto mezzi di soccorso e delle forze dell'ordine, taxi e autobus.
Nelle zone più colpite dalla furia del torrente Fereggiano - quelle del quartiere Marassi - hanno lavorato per tutta la notte i vigili del fuoco e gli addetti alle fognature.  Lungo tutta via Fereggiano sono ancora centinaia le auto presenti, trascinate e distrutte dalla piena, che le ha accatastate una sull'altra. Decine i negozi che hanno subito danni.  La città sembra il set di un film. Fango e detriti dappertutto. In alcuni punti, sull'asfalto, si sono create vere e proprie voragini. Come, ad esempio, in via Donghi.
Ma si teme anche per le altre provincie della Liguria. Frane nello Spezzino, dove frazioni della Val di Vara, Stagnedo e Boccapignone, sono state evacuate per l’apertura di un nuovo fronte di frana causato dalla intensa pioggia che cade da questa mattina nella zona già colpita dall’alluvione della scorsa settimana. I tecnici hanno chiuso l’Aurelia - tra Beverino e Borghetto Vara - già interessata ieri dal movimento della grande frana caduta nei giorni scorsi.
Allagamenti anche a Savona, il  maltempo che ieri ha devastato Genova ha colpito nella notte la provincia di Savona. In tutta la provincia era già stato disposto fin da ieri la chiusura delle scuole. Le situazioni più gravi a Cairo Montenotte, in Valbormida; a Quiliano, dove diversi cittadini hanno abbandonato le abitazioni ai primi piani, e in diversi comuni della riviera. Ad Alassio le onde hanno raggiunto le vetrine dei locali della passeggiata mentre ad Albenga, alla foce del Centa, il mare ha raggiunto forza 7. Mareggiate anche a Varazze e Celle Ligure.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©