Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ancora un comportamento scorretto dei due legali

Ghedini e Longo, schiaffo ai giudici: abbandonano l'aula durante il processo Ruby


Ghedini e Longo, schiaffo ai giudici: abbandonano l'aula durante il processo Ruby
27/01/2012, 13:01

MILANO - E' iniziata una fase di guerra aperta tra i due avvocati penalisti di SIlvio Berlusconi - Niccolò Ghedini e Paolo Longo - e i giudici di Milano. E non sono stati certamente questi ultimi ad iniziare.
Oggi infatti c'era una udienza del processo Ruby, che è iniziata con la creazione di un calendario delle prossime udienze, come è prassi per tutti i processi molto lunghi (in questo caso ci sono oltre 100 testimoni; garantito che sarà lunghissimo). I legali hanno chiesto di eliminare l'udienza di lunedì prossimo, in quanto Berlusconi dovrà andare all'udienza preliminare del processo Mediatrade, dove si deciderà del suo rinvio a giudizio. Inoltre hanno chiesto la stessa cosa per l'udienza del 10 febbraio, in quanto il 9 e l'11 ci saranno due udienze del processo Mills, che probabilmente saranno dedicate alle arringhe difensive (in realtà quella dell'11 è dedicata alle repliche del Pm e della DIfesa, ndr). Il Tribunale ha rinviato la decisione alla fine dell'udienza, preparandosi ad andare oltre. Una decisione che non ha accontentato i due avvocati, che si sono tolti la toga e sono andati via per protesta, lasciando lì i loro sostituti, gli avvocati Filippo Dinacci e Giorgio Perroni.
Intanto appare confermato che all'udienza di martedì del processo Mills, gli avvocati presenteranno istanza di ricusazione nei confronti dei giudici. Una scelta che comunque non bloccherà il processo, il quale potrà andare avanti ma si dovrà bloccare prima della sentenza, in attesa che la Corte d'Appello di Milano decida.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©