Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Entro l'anno forse la beatificazione

Giovanni Paolo II, l'omaggio del Mondo a cinque anni dalla morte


Giovanni Paolo II, l'omaggio del Mondo a cinque anni dalla morte
02/04/2010, 17:04

ROMA – Cinque anni fa moriva Giovanni Paolo II, uno dei pontefici più amati della storia. Quel giorno, una folla di fedeli riempì piazza San Pietro per rendere omaggio all’uomo che, più di ogni altro, in 26 anni di pontificato era riuscito ad entrare nel cuore dei fedeli parlando con parole semplici ed avvicinandosi davvero ai più bisognosi. “Morto il Papa dei giovani”, titolarono i giornali di allora, riferendosi alla predilezione di Karol Wojtyla per i ragazzi: i “papa boys”, così erano chiamati, arrivavano a Roma da ogni parte del mondo per parlargli, o anche solo per vederlo.
Per ricordarlo, l’attuale pontefice benedetto XVI ha tenuto una messa solenne il 29 marzo, prima dell’inizio dei riti pasquali. Intanto, non si ferma il processo di beatificazione: secondo una fonte autorevole vicina alla Santa Sede, la cerimonia potrebbe avvenire entro l’anno.
La causa di canonizzazione per Wojtyla era partita anni fa, subito dopo la nomina di Ratzinger a suo successore. Lo stesso Benedetto XVI aveva annunciato che la pratica andava vagliata in tempi ristretti e doveva avere la precedenza sulle altre. Poi qualcosa si è arenato, ancora adesso un pool di esperti sta valutando se il caso della guarigione di una suora dal Parkinson possa essere considerato un miracolo o meno.
"Non è certo un evento che si mette in piedi da un giorno a un altro", commentano dal mondo cattolico. Se da una parte, il popolo del "santo subito" deve ancora aspettare, dall'altra potrà consolarsi, una volta avvenuta la beatificazione, con la possibilità di portare un tributo a Wojtyla nella basilica di San Pietro. Infatti, come ha confermato nei giorni scorsi il cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica, una volta beato le spoglie di Wojtyla saranno portate dalle Grotte vaticane, dove si trovano ora, in una tomba da porre in una delle navate di San Pietro.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©