Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Giovedì manifestazione fuori al Parco Zoo con cibo per gli animali


Giovedì manifestazione fuori al Parco Zoo con cibo per gli animali
23/01/2013, 17:45

"Giovedì 24 gennaio alle 10 all' ingresso del Parco Zoo di Napoli - annunciano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli e Piero Cipollaro di Italia Animalista in Movimento - ci sarà la prima mobilitazione pubblica per gli animali ed i dipendenti sia dello Zoo che dell' Edenlandia. La mostra d' Oltremare durante il Consiglio d' Amministrazione del 25 gennaio deve assolutamente firmare l' accordo con la Brainspark per evitare che le strutture collassino definitivamente e che gli animali restino senza cibo e possano morire di fame. Domani intanto cominceremo a portare le prime derrate alimentari per evitare il peggio e che nessuno resti digiuno. Inoltre verificheremo lo stato di salute degli animali che per ora ci sembra buono visto che è nato addirittura un asinello. I lavoratori ci hanno raccontato che non percepiscono lo stipendio da dicembre pur di consentire che tutti e 300 gli ospiti siano sfamati ma oramai sono allo stremo".
"Siamo in prima linea da sempre - spiegano il responsabile dei diritti degli animali dei Verdi Ecologisti in Campani lo zoonomo Nando Cirella ed il segretario cittadino del Sole che Ride Vincenzo Peretti docente universitario di Veterinaria - in difesa degli animali e dei lavoratori del Parco Zoo di Napoli. Troviamo assurde le dichiarazioni della Lav e dell'  Enpa legati politicamente all' On. Pdl Brambilla che mai si sono interessate a nostro parere concretamente del problema degli animali e che addirittura chiedono che vengano immediatamente deportati non si sa neanche dove. Non ci risulata inoltre che la Lav e l' Enpa abbiano mai messo piede al Parco Zoo e lo dimostrano facendo interventi saltuari ed estemporanei addirittura accusando la gestione dell' area di gravare sui bilanci pubblici mentre è noto a tutti i napoletani che il parco è da oltre 40 anni amministrato da privati. Noi siamo contrari culturalmente agli Zoo ma in nome delle noste idee non possiamo accettare che alcuni soggetti che si autodefiniscono animalisti in nome di una ideologia oltranzista possano portare alla morte i poveri animali ospiti dello Zoo tutti nati in cattività o sequestrati a criminali. Attualmente è bene ricordarlo rispetto agli oltre 800 animali presenti 10 anni fa ne sono rimasti circa 300".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©