Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dal nord al sud una vera “holding del falso”

Giro di falsi abiti griffati: 127 denunce e 6 arresti


Giro di falsi abiti griffati: 127 denunce e 6 arresti
09/09/2011, 10:09

PADOVA - Producevano e commercializzavano capi di grandi griffe contraffatte. È stata smantellata dalla Guardia di Finanza di Padova una multinazionale italo – marocchina: l’operazione ha condotto a 127 denunce più l’arresto di diversi vertici di questa “holding del falso”, tra l’altro fornitrice di esponenti di spicco di uno storico clan camorristico.
I 127 denunciati operavano per due importanti filiere del falso riconducibili ad un unico network, con basi operative in Veneto, Lombardia, Campania e ramificazioni in tutto il territorio nazionale. Al vertice dell’azienda vi erano tre marocchini, rispettivamente residenti a Mira (Ve), Camponogara (Ve) e Granze (Pd), nonchè 3 italiani, tutti residenti in Campania, tra le province di Napoli e Caserta. La banda produceva clandestinamente, in fabbriche formalmente inesistenti, migliaia e migliaia di capi a marchio ‘Dolce & Gabbana’, ‘Armani’, ‘Woolrich’, ‘Moncler’, ‘Fred Perry’, ‘Peuterey’, ‘Nike’, ‘Refrigiwear’, di altissima qualità e si stima che il volume d’affari dell’organizzazione fruttasse, mensilmente, migliaia e migliaia di euro.
Stando alle indagini, la holding delle griffe contraffatte si basava su un sistema piramidale, caratterizzato da una rigida suddivisione dei ruoli, con al vertice i sei imprenditori/commercianti, destinatari di altrettante misure cautelari in carcere, e alla base gli operativi sul territorio (magazzinieri, contabili, agenti-mandatari).

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©