Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Giudizio immediato per lo 'stupratore in bici'


Giudizio immediato per lo 'stupratore in bici'
19/12/2012, 12:07

Salgono a venti le vittime di Sameh El Melegy, l'elettricista egiziano 28enne che aggrediva e tentava di violentare le donne a Milano e girava in sella alla sua bicicletta col parafango posteriore piegato, dettaglio che la ha tradito e fatto identificare.

La Procura ha chiesto per lui il giudizio immediato e individuato nuove vittime che lo hanno denunciato. La notte in cui venne fermato, l'undici luglio scorso in corso Lodi, i carabinieri gli contestarono gia' un conto molto salato: undici episodi consumati tra il marzo e il luglio del 2012 tra le zone di Corvetto e Duomo e una vecchia violenza del 2009 a Rogoredo.  

El Melegy, irregolare e senza precedenti penali, seguiva sempre un identico copione: si avvicinava alle donne, di eta' compresa tra i venti e i cinquanta anni, scendeva dalla bici, chiedeva una sigaretta, le spingeva a terra e tentava di abusare di loro.

Nel corso delle indagini, altre vittime, oltre a quelle inizialmente individuate, hanno preso coraggio e denunciato ai carabinieri le aggressioni subite ma il sospetto e' che molte altre non lo abbiano ancora fatto.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©