Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Giugliano: Abusivismo edilizio, sotto chiave 34 ville a Licola


Giugliano: Abusivismo edilizio, sotto chiave 34  ville a Licola
09/04/2010, 16:04


GIUGLIANO - Maxioperazione degli agenti del Comando di Polizia Municipale, diretti dal comandante Antonio Baldi e coordinati dal capitano Gennaro Castellone, responsabile  dell’Uopg Edilizia ed Ambiente. Gli agenti della  Municipale hanno apposto i sigilli ad un complesso  immobiliare situato in via Reginelle a Licola. Il tutto è  partito da una segnalazione anonima. Gli agenti, infatti,  hanno appurato che le 34 unità immobiliari erano  autonomamente fruibili, collegati alle fognature comunali,  con allaccio elettrico ed idrico per complessivi 3000 metri quadri circa e 9000 metri cubi circa. Sono state denunciate a piede libero 13 persone per i reati di lottizzazione abusiva, abuso edilizio, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, uso di atto falso e truffa. Tra le persone denunciate anche il costruttore, F. F. 47enne di  Pianura, con precedenti penali per reati simili commessi a  Giugliano e a Napoli. Dalle indagini degli agenti della  Municipale, è  emerso che le abitazioni erano state in parte vendute con  regolare atto notarile e che il venditore aveva dichiarato  (verbalmente e senza presentare atti) una presunta sanatoria. L’atto di vendita aveva anche permesso l’accensione di mutui presso diversi istituti di credito. Il valore complessivo stimato degli immobili posti sotto sequestro si aggira sui cinque milioni di euro. Appena due mesi fa, gli agenti della polizia Municipale, misero sotto chiave 27 villette a schiera, quattro palazzine da due piani ciascuna, due capannoni e denunciarono venti persone in via Vicinale Recapito a Licola (una traversa di via Madonna del Pantano). L’intervento è frutto dell’azione programmatica dell’Amministrazione Comunale al fine di contrastare l’abusivismo edilizio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©