Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Giura il 224° Corso della Nunziatella


Giura il 224° Corso della Nunziatella
18/11/2011, 10:11

Sabato 19 novembre, alle ore 10.30, in Piazza del Plebiscito a Napoli, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Valotto, si celebrerà il 224° anniversario della fondazione della Scuola Militare “Nunziatella” e il giuramento di Fedeltà alla Repubblica Italiana degli Allievi e delle Allieve del 224° Corso.

Alla celebrazione parteciperanno S.E. Rev.ma Monsignor Vincenzo Pelvi, Ordinario Militare per l’Italia, il Comandante dell’Accademia Militare di Modena, Generale di Divisione Massimiliano Del Casale, il Prefetto di Napoli e numerose autorità civili, militari e religiose.

Uno dei momenti più suggestivi della cerimonia è la “consegna dello spadino”, gesto con il quale l’allievo “anziano” del 222° Corso investe formalmente della qualifica di “allievo” il neo giunto alla Scuola, il “cappellone” del 224° Corso, che entra così a far parte della grande famiglia della “Nunziatella”. Successivamente, la consegna della stecca d’argento da parte degli ex allievi del corso 1961-64/65 ad un allievo del 224° Corso, simboleggerà il “ponte” ideale che lega i frequentatori di ogni tempo di questo glorioso istituto.

Una giornata all’insegna della solennità militare, che vedrà lo schieramento di un reparto in armi in uniforme storica, lo sfilamento dei Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, la resa degli onori ai Gonfaloni della città di Napoli, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare, della Regione Campania, della Provincia di Napoli e alla gloriosa Bandiera dell’Istituto, decorata di medaglia di bronzo al valor militare.

Il Reggimento in armi, comandato dal 76°Comandante della “Nunziatella”, Colonnello Bernardo Barbarotto, sarà composto dalla Banda dell’Esercito, dalla Batteria Tamburi della Scuola, da tre compagnie del Battaglione Allievi , dalla compagnia Comando e Servizi della Scuola .

Allo sfilamento in parata del Reggimento di formazione seguirà quello di centinaia di ex allievi giunti da ogni parte d’Italia per testimoniare così l’affetto e la riconoscenza per la
loro gloriosa “Nunziatella”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©