Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Giustizia: si fa largo il consenso dei cittadini sulla mediazione civile


Giustizia: si fa largo il consenso dei cittadini sulla mediazione civile
21/09/2010, 10:09


ROMA - Dalla data di entrata in vigore della legge n. 28/2010 -al 31/07 c.a. , l'Organismo Internazionale di Conciliazione & Arbitrato dell'A.N.P.A.R. ha avviato procedure conciliative per circa 20 milioni di euro a queste si aggiungono più 19 controversie con valore ancora da determinare. Questo è quanto comunicato dalla segreteria dell'Organismo Internazionale di Conciliazione ed Arbitrato, iscritto al n. 24 del Registro tenuto presso il Ministero di Giustizia. La maggior parte degli avvii di mediazione sono stati inoltrati dai titolari di uffici di conciliazione dell'A.N.P.A.R o dai delegati, regionali, provinciali e comunali, sparsi su tutto il territorio Nazionale. Le controversie interessano:
n. 26 per risarcimento per danni patrimoniali diversi, n. 10 per risarcimento danni banca, n. 3 per danni patrimoniali per decesso o malasanità a seguito intervento chirurgico, n. 3 per risoluzione contrattuale in danno, n. 2 impugnazioni delibere assembleari, n. 2 per errata segnalazione partite a sofferenza alla centrale rischio Banca d'Italia, n. 3 Controversia tra socio e società, n. 2 per riconoscimento credito professionale. Sono state, inoltre, sottoposte ad avvii di procedure conciliative anche controversie relative a: liquidazione quota socio, mancato accordo contrattuale, banca portabilità del mutuo, assicurazione, mancato adeguamento classe di merito, recupero credito contrattuale, richieste canoni di locazione, malfunzionamento condizionatori d'aria, intermediazione finanziaria, servitù acque reflue, servizi telefonici linea SDN, tardiva ammissione socio in società, occupazione indebita suolo pubblico, vitalizio alimentare, richiesta risarcimento banca per lite temeraria, richiesta risarcimento danni per erronea CTU, vendita immobiliare risarcimento danni, scioglimento comunione ereditaria, rilascio immobile, cessazione rapporto di lavoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©