Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Due grossolani e gravissimi errori

Gli errori nella videolezione di Telepadania sul riciclaggio dei rifiuti



Gli errori nella videolezione di Telepadania sul riciclaggio dei rifiuti
05/10/2011, 11:10

MILANO - Come dice un proverbio napoletano: "Non sputare in cielo, che in faccia ti torna". Se solo i cosiddetti "padani" (troppo ignoranti per sapere che non esiste e non è mai esistita una Padania) conoscessero queste semplici lezioni di vita...
E l'ha dimostrato Telepadania. Con il solito atteggiamento razzista contro i meridionali, hanno fatto un video in cui "insegnavano" al sindaco di Napoli Luigi De Magistris come si fa il riciclaggio dei rifiuti. Peccato che se si facesse come dicono loro, ci sarebbe ben poco da riciclare. Vediamo perchè.
Guardando il video si vede la conduttrice che, con molte moine e molto disprezzo verso i napoletani indica che le lattine di alluminio vanno in un sacchetto (quello più chiaro ad una estremità), il vetro va in un altro, la plastica in un altro ancora. Quando poi tocca alla carta - e lo dice mostrando un giornale - prende e lo infila nello stesso contenitore già usato per l'alluminio. Ma alluminio e carta non possono essere mischiati, perchè subiscono trattamenti profondamente diversi: il primo va triturato e fuso, la seconda va messa a macerare nell'acqua.
Non bastasse questo, il meglio arriva subito dopo, quando mostra un cartone da pizza ("che piace tanto a voi napoletani", tiene a sottolineare la signorina) e lo infila dentro il contenitore dove ha già messo il giornale. Ma se il primo poteva essere un errore di sbadataggine (magari si era dimenticata che ci aveva messo l'alluminio?), questo è gravissimo. Infatti, come sa chiunque ha a che fare col riciclaggio dei rifiuti, non bisogna mai, tassativamente, mettere carta o cartone sporchi di olio, grassi o di solventi tra la carta da riciclare. Se lo si fa, si "sporca" l'intero contenuto del sacchetto che diventa inutilizzabile come carta da riciclare. Carta e cartone, se sporchi di grasso, di olio o di solventi, vanno buttati nell'indifferenziato. Possibile che quei perfettini di Telepadania non lo sappiano? Allora vengano in quai comuni del napoletano (come Portici) o del salernitano (come Mercato San Severo) dove si fa raccolta differenziata da anni e potremo insegnargli come si fa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©