Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gli studenti della scuola media “Michele Pironti” di Montoro Inferiore in visita al Comando Provinciale GdF di Avellino


Gli studenti della scuola media “Michele Pironti”  di Montoro Inferiore in visita al Comando Provinciale GdF di Avellino
15/05/2012, 16:05

Nella mattinata odierna il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino ha ricevuto la gioiosa invasione degli alunni della scuola secondaria statale di I grado “Michele Pironti” di Montoro Inferiore.
Per gli onori di casa è stato direttamente impegnato il Comandante Provinciale, colonnello Mario Imparato, che ha voluto attendere i ragazzi all’ingresso della caserma di via Pontieri ed ha accolto i 60 ragazzi (una rappresentativa di tutte le classi dell’istituto scolastico) unitamente ai loro professori ed al dirigente scolastico, prof. Carmine Iannaccone. Anche il primo cittadino (dr. Antonio Carratù) ed il Comandante della Polizia Municipale (dr. Pietro Paradiso) di Montoro Inferiore hanno di buon grado voluto far parte della delegazione che è stata stamane ospite delle Fiamme Gialle.
La visita al Comando Provinciale della Guardia di Finanza è stata inserita nell’amb ito del percorso sviluppato dal progetto “Agente di Polizia Locale per un giorno”, un’iniziativa del Comune e della Polizia Municipale di Montoro Inferiore che, giunta ormai alla sua VI edizione, ha la finalità di enfatizzare i valori connessi alla solidarietà ed alla sicurezza (specie urbana), in perfetta sintonia con i principi di legalità che ispirano l’attività di prevenzione che il Corpo rivolge agli studenti di ogni ordine e grado della provincia di Avellino.

Dopo esser transitato all’interno degli uffici, i ragazzi si sono radunati nell’assolata terrazza della caserma ove il colonnello Imparato, dopo un saluto di benvenuto ed alcune parole di ringraziamento, ha illustrato compiti e funzioni della Guardia di Finanza quale unico organo di polizia economico-finanziaria, sia a livello generale che con specifici riferimenti alla proiezione del Comando Provinciale in territorio irpino. Il breve intervento, interrotto da numerose domande, si è concluso con la consegna al Sindaco ed al Comandante della Polizia Municipale di Montoro Inferiore di alcuni oggetti ricordo a memoria della visita; il Dirigente Scolastico, quale tramite per i ragazzi, è stato invece destinatario della serie completa del fumetto FINZY (il simpatico grifone ispirato all’animale simbolo della Guardia di Finanza), l’accattivante pubblicazione per ragazzi cui è affiancato anche un videogioco interattivo che riesce a coniugare freschezza di linguaggio con contenuti altamente significativi per quanto attiene il contrasto alla diffusione delle sostanze stupefacenti.
Suddivisi in piccoli gruppi, gli studenti sono stati quindi accompagnati presso gli uffici della Sala Operativa, il vero cuore pulsante del Comando Provinciale, ove è stato illustrato il delicato compito degli operatori di sala che sono quotidianamente impegnati, 24 ore su 24, nel monitoraggio delle pattuglie delle Fiamme Gialle dislocate sul territorio, nella gestione del flusso di comunicazione in entrata ed in uscita dal Comando Provinciale, nella ricezione/gestione delle segnalazioni che giungono al servizio di pubblica utilità 117, con le conseguenti eventuali attivazioni delle unità operative laddove con carattere d’immediatezza sia necessario un intervento nella località oggetto della segnalazione. Dopo il giro degli uffici e al termine dell’illustrazione dei compiti della Sala Operativa, i ragazzi son tornati sul terrazzo della caserma ove, con organizzazione a cura della Compagnia di Avellino e la presenza di una unità cinofila fatta confluire per l’occasione dal Comando Provinciale di Salerno, è stata messa in scena una vera e propria esercitazione antidroga, tra la curiosità e l’emozione di ragazzi (ama anche dei loro professori). RALIS, una femmina di pastore tedesco di sei anni condotta dall’appuntato scelto Stefano Schiavano (coadiuvato dall’appuntato scelto Stefano Mauriello), è stata la protagonista della fiction, con la simulazione di un controllo-passeggeri presso il varco d’uscita dalla sala arrivi di un aeroporto. Un nutrito gruppo di persone (la maggior parte ragazzi ma ha voluto provare l’emozione del controllo anche il Sindaco Carratù), è stato inizialmente fatto transitare in corrispondenza del cane-antidroga. Dopo alcuni giri un finanziere (in borghese) che aveva indosso sostanza stupefacente si è inserito nel gruppo e, non appena è entrato nel raggio di azione del cane, RALIS gli si è subito lanciata dietro indicando in maniera inequivocabile al suo conduttore il soggetto.
Solo dopo che gli è stato dato “manicotto” di pezza, RALIS decideva, accompagnata da uno scrosciante applauso dei ragazzi, di lasciar andare il malcapitato finanziere, attirata ormai soltanto dall’oggetto del suo gioco. Lo specifico addestramento delle unità cinofile della Guardia di Finanza si basa, infatti, su un vero e proprio gioco in cui al cane, capace per la sua maggiore sensibilità olfattiva di “fiutare” la sostanza stupefacente, viene dato in premio qualcosa da mordere, un “manicotto” appunto che abitua l’animale ad associare l’odore dello stupefacente al premio che si aspetta.
All’esercitazione è seguito un vero e proprio dibattito, con gli studenti che hanno bersagliato il Comandante della Compagnia, maggiore Salvatore Serra, di numerosissime domande principalmente incentrate sulle modalità d’addestramento dei cani, sulle tecniche di rinvenimento della droga ma anche sui pericoli (e sui rischi, anche penali) connessi all’uso di sostanze stupefacenti.

Lo spirito alla base dell’esercitazione antidroga organizzata stamane nell’ambito della visita alle Fiamme Gialle è frutto della paritetica importanza che da sempre il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino attribuisce alla fase del contrasto ed a quella della prevenzione quali diverse facce di una medesima medaglia. In tale contesto deve inserirsi altresì l’ulteriore esercitazione antidroga curata dalla Tenenza di Baiano che, sul finire di aprile, si è tenuta a Sperone, inserita come ogni anno nell’ambito della manifestazione W I BAMBINI curata dalla “BIMED - Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo”. Anche in questo caso l’iniziativa ha costituito lo spunto per circa 200 altri bambini di scuole delle 5 province campane per beneficiare di una vera e propria esercitazione antidroga ove i veri protagonisti sono state le unità cinofile fatte confluire nella cittadina del baianese direttamente dal Comando Provinciale di Salerno. Negli spazi ritagliati ad hoc nel fitto programma di animazione che ha costituito l’ossatura della manifestazione, sono state messe in scena, nel piazzale alle spalle del Municipio, due tipologie di controlli: un posto di blocco stradale ed una verifica dei passeggeri presso una stazione ferroviaria, con i bambini attentissimi all’interessante fiction.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©