Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Il brasiliano Kitadai ha fatto cadere il bronzo in doccia

Grane alle Olimpiadi: perse le chiavi e una medaglia rotta

Scotland Yard cerca di scoprire il giallo delle chiavi

Grane alle Olimpiadi: perse le chiavi e una medaglia rotta
30/07/2012, 21:10

LONDRA (INGHILTERRA) - Le Olimpiadi conquistano il cuore dei tifosi, ma nel backstage non tutto fila liscio, come si potrebbe immaginare guardando la cerimonia d'apertura e le gare, le medaglie conquistate. E' il caso di uno stadio a prova di bomba, ma non immune alla sfortuna o a qualche leggerezza, qualche disattenzione. Si sono perse le chiavi dello stadio di Wembley, che costano ben 40 mila sterline. E' subito partita la caccia al colpevole e varie procedure per cambiare le serrature. "La sicurezza dello stadio non è mai stata messa in pericolo" ha assicurato il comitato organizzatore Locog, precisando che le chiavi perdute erano quelle che aprivano le porte interne dell'edificio, dove si svolgono solo alcune delle gare di calcio delle Olimpiadi. Scotland Yard ha aperto un'inchiesta nel timore che le chiavi, simili a quelle usate nelle prigioni, siano state rubate da qualche malintenzionato. Nel frattempo la malasorte ha continuato a colpire Londra e sono sparite anche un paio di chiavi simili per Wimbledon, dove sono in corso le gare di tennis.
Intanto, nel circuito delle Olimpiadi qualcuno non si accontenta di aver vinto una medaglia, ma se la porta con sé un po' dappertutto. Mentre il carabiniere che ha conquistato l'argento nella pistola dai 10 metri, Luca Tesconi si è portato la medaglia a letto, il brasiliano Felipe Kitadai, bronzo nel judo ha deciso di portare la medaglia fin sotto la doccia. Kitadai ha fatto cadere la medaglia a terra. In frantumi. Il brasiliano si è presentato con i cocci in conferenza stampa e ha chiesto ai commissari del Cio la sostituzione della medaglia. Nessuno si è scomposto più di tanto. Il comitato ha promesso al campione brasiliano che avrà la sua medaglia nuova di zecca.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©