Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo ha deciso il tribunale di San Pietroburgo

Greenpeace: D'Alessandro sarà libero su cauzione

Attivista in cella per blitz contro piattaforma petrolifera

Greenpeace: D'Alessandro sarà libero su cauzione
19/11/2013, 15:59

MOSCA  -  L'attivista italiano di Greenpeace,  Cristian D'Alessandro,  sarà rilasciato su cauzione. Lo ha deciso oggi un tribunale di San Pietroburgo. D'Alessandro era una delle 30 persone in cella per il blitz contro una piattaforma petrolifera artica di Gazprom. La condizione per la liberazione però  è il versamento, entro il 27 novembre prossimo, della somma di 45mila euro. La somma, in caso di urgenza, da quanto si è appreso, potrebbe essere anticipata dalla rappresentanza diplomatica italiana. Anche se poi a "saldare il conto" sarà Greenpeace International. La notizia della libertà su cauzione per Cristian D'Alessandro "è un primo passo in avanti, ora speriamo che tutti gli altri attivisti vengano rilasciati". Ha dichiarato  Alessandro Giannì, direttore Campagne di Greenpeace. Sui termini del rilascio, tuttavia, non c'è ancora chiarezza: "Verosimilmente Cristian potrebbe dover restare ancora in Russia, non essendo in possesso del passaporto. Il console ha comunque messo a disposizione una struttura  per un eventuale soggiorno - ha detto Giannì - Si tratta comunque di congetture, finché non saranno chiari i termini del rilascio".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©