Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Guardia di finanza: scoperta una santa barbara in provincia di Napoli


Guardia di finanza: scoperta una santa barbara in provincia di Napoli
13/12/2011, 09:12

Migliaia di ignari cittadini afragolesi vivevano a stretto contatto con una vera e propria polveriera costituita da una fabbrica e relativo deposito abusivi di fuochi d’artificio proibiti.

In un casolare semidiroccato posto in pieno centro cittadino, le fiamme gialle del comando provinciale della guardia di finanza di napoli, hanno scoperto l’esistenza di un micidiale quantitativo di fuochi d’artificio proibiti.

Tra le strutture in parziale rovina del casolare, è stato individuato un opificio clandestino con annesso deposito di materiale esplodente Sono stati sequestrati oltre 7.000 tra cipolle e rendini e 3.000 artifizi la cui commercializzazione e detenzione e’ permessa solo al ricorrere delle dovute autorizzazioni di pubblica sicurezza. Nella parte adibita a fabbrica inoltre è stato sequestrato un ingente quantitativo di materiale idoneo alla fabbricazione degli ordigni (micce, spaghi, cartoncini per il confezionamento e collanti), ed oltre 50 kg di polvere pirica, quantitativo sufficiente per innescare un’esplosione dalle conseguenze disastrose.

E’ stato arrestato un pregiudicato, s.g. di 40 anni, napoletano, intento a caricare un’autovettura con diversi sacchi contenenti i petardi proibiti.I fuochi, dal peso stimato di oltre una tonnellata, avrebbero fruttato al responsabile un guadagno di oltre 60.000 euro ed esposto a pericolo per la loro incolumita’ numerosissimi acquirenti.Proseguono a tappeto, su tutto il territorio del capoluogo partenopeo e della provincia, le indagini delle fiamme gialle volte a disvelare ulteriori fabbriche e stoccaggi abusivi di fuochi pirotecnici proibiti, finalizzate ad eliminare dal mercato ordigni capaci di causare gravi e permanenti danni alle persone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©