Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'odissea del ragazzo aggredito dai poliziotti

Gugliotta: "Voglio uscire di prigione o farò lo sciopero della fame"


Gugliotta: 'Voglio uscire di prigione o farò lo sciopero della fame'
12/05/2010, 11:05

ROMA - Non ce la fa più, Stefano Gugliotta, il ragazzo romano violentemente picchiato dalla Polizia senza alcuna ragione che non fosse la violenza gratuita durante la partita Roma-Inter e poi messo in prigione con le accuse di oltraggio a pubblico ufficiale, resistenza all'arresto e lesioni. E oggi ha dichiarato al padre: "Non ce la faccio più. Da oggi non voglio più mangiare nè bere". Frasi che hanno destato la giusta rabbia del padre: "Siamo arrabbiati, non vediamo l'ora che esca. Come fanno a difendere delle persone accusando mio figlio?".
Infatti, nonostante l'evidenza dei fatti (l'aggressione sferrata dai poliziotti mostrata dai filmati fatti con un cellulare, la palese contraddizione tra le suddette immagini e il referto scritto dai poliziotti, ecc.), nessun provvedimento è stato preso contro i poliziotti colpevoli dei reati; nè si vede la possibilità di liberare Stefano Gugliotta. Si aspetterà la celebrazione del processo vero e proprio, probabilmente, per verificare come stanno le cose; anche se i filmati parlano sin troppo chiari

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©