Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

HA CONFESSATO L'ASSASSINO DELLA DISCOTECA MILANESE


HA CONFESSATO L'ASSASSINO DELLA DISCOTECA MILANESE
29/12/2008, 16:12

Ha confessato ieri pomeriggio davanti al pm di Milano Giulio Benedetti e agli agenti della squadra mobile il trentenne che ieri mattina ha ucciso Massimo Blancato, 34 anni, di Bresso.
L'uomo, un milanese con numerosi precedenti penali, come la vittima, nel pomeriggio in questura, davanti al magistrato e aldirigente della Mobile, Francesco Messina, si è assunto le sue reponsabilità ed è stato fermato con l'accusa di omicidio volontario e per il porto abusivo della calibro 9 con cui ha commesso il delitto.

Ancora da scoprire il movente, che potrebbe essere causato da uno screzio legato allo spaccio di droga. Ma in questo senso saranno necessari altri approfondimenti. Quel che è certo è che prima c' è stata una lite accesa, e poi, fuori dal locale, otto colpi di calibro nove - sette a centrare gambe e torace - e una dedica, "tanti auguri". Erano le cinque del mattino. Blancato,
che viveva con il padre a Bresso era pregiudicato per reati che vanno dal furto, il primo nel 2002, allo spaccio di droga; dalle lesioni personali alla rapina, al sequestro di persona.

Nella sparatoria è stata ferita una giovane di 21 anni, Luana M., che aveva trascorso la serata con la vittima e l'aveva seguita fuori dal locale: raggiunta di striscio a una gamba da
un proiettile, la ragazza è stata trasportata all'ospedale Niguarda, medicata e dimessa. L'omicida, a bordo di un'utilitaria, è fuggito dal De Sade. Gli uomini della Mobile
non gli hanno lasciato scampo e in 12 ore hanno risolto il caso.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©