Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A causa di questa dipendenza non vuole andare a scuola

Ha solo 8 anni ma fuma già due pacchetti di sigarette al giorno


Ha solo 8 anni ma fuma già due pacchetti di sigarette al giorno
15/03/2012, 21:03

INDONESIA - Ha solo 8 anni ma è già un fumatore incallito da quattro. Si chiama Ilham, è un bambino indonesiano e abita a Sukabumi, sull'isola di Giava. Ha iniziato a fumare quando aveva quattro anni, dapprima poco, ma ogni giorno che passava la sua dipendenza dalla nicotina è andata crescendo, portandolo, ad oggi, a consumare fino a 40 sigarette al giorno. Quest’eccessivo consumo gli provocherà sicuramente problemi di salute, legate all’apparato respiratorio ma anche a quello della crescita, vista la giovane età del soggetto. Dopo il cibo, le sigarette rappresentano la seconda più grande spesa delle famiglie nel paese ubicato nel sud-est asiatico, abitato da 240 milioni di persone: quasi la metà di esse vive ancora con meno di due dollari al giorno.
In Indonesia – a differenza di quanto avviene in altri Stati -  non c’è un’età minima per l’acquisto di sigarette e il loro relativo utilizzo. Umar, il padre del ragazzo, nella vita fa il tassista e, in merito alla delicata condizione del bambino, ha dichiarato quanto segue: “Ilham hainiziato a fumare quando aveva quattro anni. La sua dipendenza dal fumo è cresciuta di giorno in giorno e ora fuma fino a due pacchetti di sigarette al giorno“. Questo quanto dichiarato dall’uomo all’agenzia stampa di Antara. Il ragazzo, che vive in un villaggio nel distretto di Sukabumi, a Java, ha reazioni spropositate se gli viene negata la sua dose giornaliera di tabacco, arrivando a rompere finestre e bottiglie, pur di ricevere le sue adorate sigarette. Pare che il bambino non voglia frequentare nemmeno più la scuola e che preferirebbe stare a casa, piuttosto che svegliarsi presto e sgobbare sui libri.
In merito a questo sconvolgente episodio, la Commissione per la Tutela dei Bambini indonesiana ha dichiarato che quanto succede a questo ragazzino mostra il fallimento del governo per quel che concerne la regolamentazione dell’industria del tabacco nel Paese.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©