Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il premier: “Presto una strada avrà il nome di Vittorio”

Hamas: Arrigoni è un nostro martire. Scuse all’Italia

L'Onu preme: "Trovate gli assassini"

Hamas: Arrigoni è un nostro martire. Scuse all’Italia
16/04/2011, 10:04

GAZA (PALESTINA) - Non ci sono parole per esprimere la condanna di un crimine così efferato: il premier di Hamas, Ismail Hanyeh, sulla morte di Vittorio Arrigoni, assicura che “giustizia sarà fatta”. Invece il termine “disumano” compare tra le parole di Khaled Abu Arafeh, ministro del governo di Hamas, che intende chiedere scusa all’Italia. Inoltre, assicura il premier di Hamas, “abbiamo fatto tutto il possibile per cercare di ritrovarlo prima di quel drammatico epilogo - afferma Haniyeh -. Vittorio è un nostro martire”. Al momento fa sapere che sono state arrestate diverse persone, tre delle quali sono direttamente coinvolte con il sequestro, ma nonostante questo la caccia continua e non si fermerà, finchè tutti i responsabili non saranno portati davanti al giudice per subire la condanna che meritano. “L’ho promesso a sua madre” assicura il premier, che le ha anche fatto sapere che presto una strada della Striscia avrà il nome di Vittorio Arrigoni.
Intanto anche i palestinesi della Striscia di Gaza hanno reso omaggio a Vittorio Arrigoni con una fiaccolata promossa dalle associazioni per i diritti umani. Un’altra manifestazione in ricordo del volontario italiano rapito e ucciso é stata organizzata anche da Hamas, che ha negato ogni coinvolgimento: “Il governo palestinese a nome del suo popolo – ha dichiarato il leader di Hamas a Gaza – condanna questo crimine, che non rappresenta i valori morali e religiosi di questo popolo”. E mentre il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon condanna l’omicidio, auspicando che “i responsabili di questo atto siano portati di fronte alla giustizia nel più breve tempo possibile”, fonti fanno sapere che per il trasferimento della salma bisognerà attendere quasi sicuramente domenica, quando sarà riaperto il valico di Erez tra Gaza e Israele.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©