Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I BULLI PROVANO PIACERE NELL'INFLIGGERE DOLORE


I BULLI PROVANO PIACERE NELL'INFLIGGERE DOLORE
07/11/2008, 15:11

Secondo uno studio effettuato da Jean Decety dell'Università di Chicago, quelli che noi definiamo "bulli" agiscono così perchè provano piacere nell'infliggere dolore agli altri. Per verificarlo, hanno fatto vedere ad alcuni adolescenti immagini di violenza, facendo loro contemporaneamente una risonanza magnetica. Alle persone note come "bulli", quindi violente, le immagini stimolavano una zona del cervello nota come "striato ventrale", che è quella che dà le sensazioni di piacere; invece, facendolo vedere ad altri ragazzi più tranquilli, le stesse immagini stimolavano zone diverse del cervello, legate alle aree del dolore e a quelle dei giudizi morali. In pratica i secondi finivano per immedesimarsi nelle vittime della violenza, mentre i bulli dimostravano in effetti momenti di vero sadismo.

Quindi, partendo da questo, si può dire che in parte c'è una componente caratteriale e psicologica, che distingue un bullo da un'altra persona e che non basta dare la colpa al disagio sociale, alla TV, ai videogames o cose del genere.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©