Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Finanziaria del 2005 taglia rimborsi pagati dai cittadini

I comuni "nuclearizzati" fanno causa a Palazzo Chigi


I comuni 'nuclearizzati' fanno causa a Palazzo Chigi
11/05/2011, 17:05

ROMA - Si continua a parlare del nucleare prossimo futuro che non c'è, ma ci si dimentica del nucleare del passato, quello che è stato chiuso dopo il referendum del 1987 che già una volta ha detto di no al nucleare. E così sei Comuni che hanno accolto centrali nucleari o siti di stoccaggio delle scorie radioattive (Caorso, Saluggia, Trino Vercellese, Rotondella, Ispra e Piacenza) hanno deciso di presentare una azione legale contro Palazzo Chigi. Oggetto del contendere sono le somme che i consumatori di energia elettrica pagano come risarcimento a queste città proprio per il fatto di aver accolto il nucleare. Nel 2005 la Finanziaria del governo Berlusconi adottò quella che doveva essere una norma transitoria: il 70% di quelle somme sarebbero state dirottate alla fiscalità generale per essere poi rimborsate in un secondo tempo.
Ma di provvisorio in provvisorio, la norma c'è ancora, dopo 6 anni. E i comuni summenzionati si sono stancati di aspettare. Anche perchè dal 2008 quel 30% rimanente non viene ripartito tra i comuni in questione e confluisce nelle casse statali.
Ed è curioso notare che si parla di spendere decine di miliardi per quattro nuove centrali che nessuno vuole, quando ci sono da sistemare ancora vecchi conti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©