Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il curioso destino degli imberbi leghisti

I giovani padani costretti alla "clandestinità"


I giovani padani costretti alla 'clandestinità'
18/11/2010, 13:11

In questo mondo globalizzato e sempre più straripante di terroni ed extracomunitari pronti ad invadere la paradisiaca ed eterea Padania, arriva la drammatica legge del contrappasso a punire quegli imberbi ed ingenui ragazzotti nordici che adorano (adoravano?) il partito Leghista. Il forum ufficiale dei giovani padani, infatti, è stato oscurato in seguito alla mole considerevole di messaggi negativi comparsi nelle ultime settimane nei vari topic.
Critiche, asprissime, al sempre meno tollerato governo Berlusconi ed allo stesso Carroccio, hanno spinto gli admin del forum ed il coordinatore dell MGP Massimo Grimoldi  a decidere per la chiusura dello spazio virtuale (senza alcun preavviso, nè spiegazione). Del resto, come cultura mafiosa insegna, "i panni sporchi si lavano in famiglia": meglio evitare di apparire all'esterno come deboli e litigiosi; meglio censurare le critiche al buon Renzo "trota" Bossi ed alle escort del Premier.
E così, i giovani padani, infame ironia della sorte, sono passati essi stessi allo status di clandestini; costretti cioè ad "emigrare" su
questo nuovo spazio web aperto tramite forumfree. Il tutto, ovviamente, per continuare ad essere "padroni a casa nostra"; come si sloganeggia gagliardamente sul sito dei giovani padani di Saronno (dotato di un trashissimo sottofondo midi che richiama melodie celtiche).

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©

Correlati