Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Isolati i dna degli assassini, forse di origine balcanica

I killer di Lignano sono un uomo e una donna


I killer di Lignano sono un uomo e una donna
27/08/2012, 21:16

LIGNANO SABBIADORO (UDINE) - Inizia a intravedersi uno spiraglio nel giallo che si è consumato a Lignano Sabbiadoro. I Ris hanno ottenuto un primo risultato dalle indagini che stanno conducendo sull'omicidio dei due coniugi, Paolo Burgato di 67 anni e Rosetta Sostero di 65, trovati morti nella loro villetta nella notte tra sabato e domenica scorsa. Gli assassini sarebbero due e si tratterebbe di un uomo e di una donna. Gli investigatori hanno isolato due diversi tipi di dna, uno maschile e uno femminile, forse di origine balcanica. Resta ancora da scoprire il movente e l'effettiva identità degli assassini. Non è facile ricostruire una tragedia che si è consumata in quella villetta dove sono state scoperte grosse somme di denaro, 40 mila euro dietro un battiscopa e 60 milioni di vecchie lire in contanti e nascosti in soffitta. Nemmeno il figlio della coppia sapeva di questi soldi nascosti. Probabilmente gli assassini ne erano a conoscenza. Poi ci sono delle impronte di scarpe da uomo, di due diversi numeri, rinvenute dai Ris, ancora tutte da incastrare nel complicato puzzle. E c'è anche la testimonianza di chi ha raccontato di un furgone verde e di un uomo a torso nudo che aspettava accanto al veicolo davanti alla villetta dopo la mezzanotte del sabato. In tutto questo continua la pista del fratello della donna Rino Sostero, noto imprenditore edile, che aveva dichiarato il fallimento della propria impresa poco prima del duplice assassinio della coppia. Non c'è ancora nulla di certo, ma gli investigatori stanno battendo tutti i fronti possibili.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©