Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Disagi in Piazza Amedeo, Piazza Garibaldi e Mergellina

I napoletani trovano la città ‘chiusa’ dai cantieri


.

I napoletani trovano la città ‘chiusa’ dai cantieri
25/08/2009, 15:08

Tornano i napoletani e la città è sommersa dai cantieri. Operai al lavoro nei punti nevralgici della città, e non è difficile auspicare gli enormi disagi dal prossimo autunno.  In piazza Amedeo e piazza Garibaldi, in via Santa Caterina da Siena e via Pacuvio; oltre ai tecnici specializzati che riprenderanno i lavori sul costone di Coroglio attualmente percorribile a senso unico alternato.
Il punto nevralgico del primo caos cittadino del dopo vacanze sarà piazza Amedeo. Nel salotto buono di napoli c’è da riqualificare i sampietrini che hanno bisogno di una manutenzione costante e continua. Sarà  prevista la presenza di pattuglie della polizia municipale che cercheranno di rendere più agevole lo scorrimento delle automobili.
A piazza Garibaldi dopo l’apertura del cantiere di «Grandi Stazioni», per il rifacimento della facciata della stazione centrale, il Comune cerca una soluzione adeguata per la sistemazione dei taxi. Attualmente tale servizio è stato spostato interamente nella zona sul lato dell’hotel Terminus, creando fortissime code nell’intera arteria del corso arnaldo lucci. Contemporaneamente partiranno lavori per la realizzazione di una rotonda tra Corso Lucci e via Galileo Ferraris, in modo da consentire una più agile circolazione nella zona che è già occlusa dagli altri cantieri della piazza.
Il caos proseguirà anche nelle ore notturne fino a venerdì, infatti verranno chiuse al traffico le strade di collegamento dal Porto a Mergellina. La chiusura di tali arterie è necessaria per il trasporto della cosiddetta «talpa», il macchinario che servirà alla Ansaldo Trasporti per realizzare il tunnel di collegamento tra Mergellina e Fuorigrotta. In fine restringimento della grande grotta laziale che porta da Piazza Sannazzaro a Fuorigrotta, tunnel da sempre snodo tra centro e periferia della città.

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©