Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La band britannica avrà 60.000 sterline di risarcimento

I Pink Floyd vincono la causa contro la Emi


I Pink Floyd vincono la causa contro la Emi
11/03/2010, 20:03

LONDRA - La somma che la Emi è stata costretta a pagare come risarcimento ai Pink Floyd può considerarsi simbolica ma, di sicuro, la vittoria ottenuta dalla rock-band britannica, farà discutere non poco. Il "succo" della querelle esplosa tra la casa discografica ed il gruppo riguarda la vendita dei singoli pezzi che fanno parte dei vari concept album. La sentenza emanata impedirà dunque che, da ora in avanti, si verifichi la diffusione di suddetti brani anche sul web e si ricollega ad "antichi" accordi tra la band e l'etichetta che obbligavano la vendita "totale" degli album e non delle singole canzoni contenute al loro interno. Negli ultimi anni, infatti, la emi aveva adottato tecniche di marketing che prevedevano anche la vendita singola dei pezzi più famosi contenuti negli album.
L'Alta Corte di Londra ha così stabilitò che fossero rispettate le antiche clausole contrattuali esistente ed ha imposto il pagamento delle spese legali sostenute dal gruppo rock inglese (pari a circa 60.000 euro). Poco chiare risultano le decisioni in merito ai diritti d'autore che la casa discografica deve rispettare. La Corte, dopo la sentenza, ha anche deciso di rifiutare qualsiasi appello dell'azienda. 
Di sicuo i Pink Floyd hanno avuto ciò che volevano ma, altrettanto sicuramente, qualche fan potrebbe rimanere deluso. O no?

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©