Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Basta con irresponsabilità".

I sindacati all'unisono per un "governo vero"


I sindacati all'unisono per un 'governo vero'
30/09/2013, 17:42

ROMA - Serve un vero governo del Paese. Lo chiedono espressamente Cgil, Cisl e Uil in un documento comune esprimendo la loro "preoccupazione per la crisi istituzionale causata dalla irresponsabilità di chi vorrebbe anteporre gli interessi personali alle condizioni del Paese". I segretari delle tre maggiori sigle sindacali del paese Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, ha espresso le loro preoccupazioni lanciando un'allarme: "L'incertezza di queste ore determina gravi ripercussioni - hanno scritto in un documento comune - sulla nostra economia, e rischia di far aumentare la pressione fiscale sul lavoro e sulle pensioni". Cgil, Cisl e Uil hanno ribadito la necessità di "una buona legge di stabilità che inverta le scelte recessive compiute in questi anni: non si può immaginare una uscita dalla crisi senza puntare sul lavoro e sulla buona occupazione". Per questo i sindacati hanno ribadito la necessità di arrivare ad "un vero governo del Paese, capace di compiere le scelte necessarie a rispondere alle richieste nel mondo del lavoro". "C'è chi vuole piegare le istituzioni ai suoi bisogni personali, serve un soprassalto di responsabilità", ha dichiarato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso. "Non vogliamo un governo qualunque" - ha aggiunto - ma un governo che accolga le proposte presentate dal sindacato e Confindustria. "Per questo abbiamo deciso di convocare assemblee nei luoghi di lavoro e nei territori, anche di sabato e di domenica, anche davanti ai supermercati e alle chiese". La posizione del leader della Cisl Raffaele Bonanni è invece la seguente: "al posto di esprimere responsabilità si esprime irresponsabilità, si tratta di una crisi istituzionale senza precedenti e il rischio è che i sacrifici fatti in precedenza siano inutili. Il Paese deve ritrovare la sua normalità e occorre che ci sia un governo vero che governi". Secondo Luigi Angeletti, leader della Uil, ine senza un governo "capace di fare scelte vere" l'Italia rischia di essere Commissariata dalla Troika che farebbe delle scelte che mal si conciliano con gli interessi del Paese".

 

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©