Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Il piano si svilupperà in 10 anni al costo di 10 milioni

I tedeschi si offrono di restaurare Pompei


I tedeschi si offrono di restaurare Pompei
28/08/2013, 12:14

POMPEI (NAPOLI) - Per ovviare ai continui crolli del sito archeologico di Pompei si presentano i tedeschi, che propongono un piano di restauri conservativi. Il progetto è del Fraunhofer, il più grande centro di ricerca tecnica d'Europa, insieme all'Ibp, l'Istituto della fisica delle costruzioni, di Stoccarda; Ma ha collaborato anche l'Università Tecnica di Monaco, considerato uno dei migliori istituti del settore. Una cinquantina di tecnici, con un budget di 10 milioni, potrebbero iniziare già dal 2014, per un progetto della durata di 10 anni. Per l'Italia partecipano l'Iccrom, centro studi per il restauro, e l'Istituto per i beni archeologici e monumentali di Catania. 
Verranno coinvolti anche la School of geography and environment dell'Università di Oxford, il Dipartimento di storia antica dell'Historicum della LudwigMaximiliansUniversität Munchen (Lmu Munchen), il Deutsches Archäologisches Institut (Dai) di Roma e l'Università di Pisa. 
Ma il programma è molto più ampio: prevede una sorta di scuola di specializzazione nei restauri con 500 specialisti l'anno formati, la ricerca di mecenati disposti a concedere fondi, ed altre iniziative per mantenere il sito oltre la scadenza del primo intervento. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©