Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Per ore su Facebook una foto denigratoria di Napolitano"

I Verdi campani denunciano un'immagine postata dalla Lega

Il presidente della Repubblica minacciato da un terrorista

I Verdi campani denunciano un'immagine postata dalla Lega
22/08/2012, 16:52

Verdi Ecologisti Campani denunciano: "Per diverse ore sulla pagina facebook della lega nord del veneto è stata pubblicata una foto con l'immagine del Presidente della Repubblica Napolitano a cui un terrorista punta una pistola alla tempia. Dopo le proteste e le denunce alla polizia postale è stata cancellata. Resta l' atto vergognoso su cui chiediamo l' intervento della Magistratura per vilipendio".
"Sulla pagina facebook della lega nord veneta - denuncia il commissario regionale dei Verdi Ecologisti campani Francesco Emilio Borrelli - è stata pubblicata per diverse ore una foto vergognosa realizzata con un fotomontaggio di un terrorista che punta la pistola alla tempia del Presidente della Repubblica e dichiara: "ITALIANI, NOI VENETI SIAMO PRONTI A TRATTARE!". Dopo diverse proteste e denunce anche alla polizia postale la pagina è stata cancellata ed eliminata dalla bacheca leghista ma rappresenta una ennesima e vergognosa trovata inqualificabile del carroccio. Inannzitutto perchè sul terrorismo non si scherza e poi perchè non si utilizza in modo così denigratorio l' immagine del Presidente della Repubblica. Una ennesima brutta pagina dei leghisti che si qualificano sempre allo stesso modo con commenti dei militanti inqualificabili come: "Perchè il terrorista non spara subito alla testa del vecchio?" oppure " sarebbe troppo bello levarcelo di torno" e anche " Napolitano non vale il costo di un proiettile". Questa è la nuova lega di Maroni, delle scorte e castrazioni chimiche di Calderoli e delle nuove uscite di Borghezio. Ci auguriamo che le forze dell' ordine individuino ed intervengano in modo durissimo nei confronti degli autori di questa ennesima campagna leghista di chiara matrice eversiva e vilipendio nei confronti del Capo dello Stato".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©