Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Iapicca: “Iervolino ha perso una buona occasione per dimettersi”


Iapicca: “Iervolino ha perso una buona occasione per dimettersi”
02/03/2011, 17:03

“Il sindaco di Napoli ha perso una buona occasione per cambiare mestiere”. Lo afferma il coordinatore vicario del Pdl di Napoli Maurizio Iapicca, che aggiunge: “La mozione di sfiducia promossa dai consiglieri del Pdl, condivisa dalla maggioranza dell’assemblea, non è un ‘atto normalissino’, come sostiene la Iervolino, ma un documento politico che sintetizza il disagio di un’intera città che mai, nella sua storia recente era sprofondata così in basso”.
“Non ci sono scusanti né attenuanti – incalza il parlamentare – per il sindaco che ha governato Napoli nell’ultimo decennio. Per un sindaco che, una dopo l’altra, ha perso tutte le occasioni che potevano rappresentare delle opportunità di sviluppo per la città. Che lascia in dote al suo successore un Comune con le casse vuote e una marea di debiti. Allo stesso identico modo di come, un anno fa, ha fatto Bassolino alla Regione Campania”.
“In dieci anni da sindaco la Iervolino ha messo assieme tutti i palmares negativi che un primo cittadino avrebbe potuto collezionare. Non assumersi oggi le responsabilità politiche di un simile disastro, cercando maldestramente di mettere sullo stesso piano chi si è battuto per contrastare disagio e malaministrazione e chi, invece, del disagio e della malaministrazione ne ha fatto un modello politico e un biasimevole ma efficace strumento di potere, è spregevole. Soprattutto, se lo scopo è quello di allontare solo di qualche settimana una definitiva uscita di scena. Quello di stamani è il peggiore messaggio che la Iervolino poteva mandare alla città. Una città che, da tempo, non capisce più il linguaggio parlato da chi l’amministra. Bene quindi avrebbe fatto la Iervolino a non perdere questa occasione per dimettersi; anticipando, come annunciato, l’andata a Roma per dedicarsi ai nipoti. In questo modo – conclude Iapicca – avrebbe evitato di perdere oltre alla poltrona anche la faccia”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©