Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'atleta da tempo emigrato in Canada vicino agli aquilani

Il campione abruzzese Marrone: “Non abbiamo mai dimenticato l’Abruzzo”


Il campione abruzzese Marrone: “Non abbiamo mai dimenticato l’Abruzzo”
08/04/2009, 21:04

MONTRÉAL – “Non abbiamo mai dimenticato”. Nicola Marrone ha la voce rotta dalla commozione e negli occhi ancora le immagini del terremoto, ma sa che la sua gente ce la farà. “Conosco gli aquilani soprattuto quelli che abitano vicino alla montagna hanno un forte morale. Il terremoto li ha piegati, ma non li spezzerà, vinceranno questa dura prova”. Ne è certo, gli aquilani vinceranno la sfida più difficile della loro vita. Lui che di gare ne ha vinte tante: il suo impegno nell’atletica leggera, come agonista, allenatore, organizzatore e giudice di gara ai massimi livelli internazionali ne ha fatto un protagonista non solo della Comunità italiana di Montréal. Ma anche un esponente di spicco nel panorama sportivo del Québec e del Canada. A ciò si aggiunge la sua dedizione nell’opera di aggregazione dei connazionali, in particolare quelli di origine abruzzese. Tanto da ricevere numerosi riconoscimenti, tra tutti l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della ‘Stella della Solidarietà italiana’ direttamente dalle mani del console generale d’Italia a Montréal Francesco Paolo Venier. Originario di Fossacesia e trasferitosi a Montréal nel 1952, ha dato lustro e onore al suo piccolo paese abruzzese con i suoi successi come atleta nella marcia su strada, nella corsa e nella marcia su racchette. “Fossacesia come la costa – ha detto – si sono salvate dalla furia del terremoto per fortuna. A tutti gli altri noi vogliamo dire di resistere e che la comunità italiana di Montréal sta lavorando qui come a Toronto, a Vancouver e nelle altre città del Nord America per dare tutto il nostro sostegno ai concittadini e ai paesi che non abbiamo mai dimenticato”.

Commenta Stampa
di Marina Cappitti, inviata dal Canada
Riproduzione riservata ©