Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Comune di Agropoli aderisce al “Patto dei Sindaci”


Il Comune di Agropoli aderisce al “Patto dei Sindaci”
29/10/2010, 10:10


AGROPOLI (Sa) - Il Comune di Agropoli ha aderito al “Patto dei Sindaci” (Covenant of Mayors), iniziativa lanciata dalla Commissione Europea per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. «Il Patto dei Sindaci – spiega l’assessore all’ambiente, Antonio Pepe - impegna, su base volontaria, le città a predisporre un Piano di Azione con l’obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorino l’efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l’uso razionale dell’energia». «Anche la città di Agropoli – afferma il sindaco Franco Alfieri – ha voluto aderire al Patto dei Sindaci per contribuire con azioni concrete al rispetto e alla tutela dell'ambiente. In tema di energie rinnovabili, l'amministrazione comunale entro la prossima primavera doterà tutti gli edifici comunali, compreso il Palagropoli, di impianti fotovoltaici, in modo da renderli autonomi dal punto di vista del fabbisogno energetico. Si è al lavoro anche per sensibilizzare i cittadini all'uso di mezzi alternativi all'auto sul territorio comunale, con il progetto di bike sharing, la condivisione di biciclette elettriche». Gli impegni che il Comune di Agropoli assume con l'adesione al “Patto dei Sindaci” sono: andare oltre gli obiettivi stabiliti dall’UE per il 2020, riducendo le emissioni di CO2 di almeno il 20%; presentare un piano d’azione per l’energia sostenibile, compreso un inventario di base delle emissioni, che metta in evidenza in che modo verranno raggiunti gli obiettivi; presentare almeno ogni due anni dalla presentazione del piano di azione una relazione di attuazione a fini di valutazione, monitoraggio e verifica; organizzare le giornate dell’energia, in collaborazione con la Commissione europea e con le altre parti interessate, permettendo ai cittadini di beneficiare direttamente delle opportunità e dei vantaggi offerti da un uso più intelligente dell’energia e informando regolarmente i media locali sugli sviluppi del piano d’azione; partecipare e contribuire alla conferenza annuale dei sindaci dell’UE.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©