Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Era in coma da un anno e mezzo, quando gli spararono

Il consigliere comunale Alberto Musy è morto nella notte


Il consigliere comunale Alberto Musy è morto nella notte
23/10/2013, 09:59

TORINO - Non ce l'ha fatta il consigliere comunale Alberto Musy, in coma dal 21 marzo 2012, data in cui uno sconosciuto gli sparò contro diversi proiettili di arma da fuoco. Dell'attentato fu accusato Francesco Furchi, faccendiere che avrebbe agito per vendicarsi del fatto che Musy non gli avrebbe mai concesso appalti in cambio del sostegno per l'elezione. 
Ma Furchi, che è sotto processo a Torino per questo fatto con l'accusa di tentato omicidio, ha sempre professato la propria innocenza, chiedendo anche con una lettera aperta di essere esaminato da periti non provenienti da Torino, lasciando intendere come nella città ci sia un pregiudizio contro di lui. 
Se l'autopsia confermerà il legame tra la sparatoria di 19 mesi fa e la morte di oggi, il processo a carico di Furchi ripartirà da zero in Corte d'Assise, con l'imputaizone di omicidio. Per un fatto che, indipendentemente dalle decisioni del Tribunale, resta nebuloso ed oscuro in molti suoi aspetti. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©