Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E si riaccendono i riflettori sul caso "Digit Campania"

Il Corecom “dalla parte dei minori”

Uno spot per aiutare i più piccoli

.

Il Corecom “dalla parte dei  minori”
26/10/2012, 16:56

NAPOLI – Accendere ancor di più i riflettori sui problemi dei minori, nonostante l’impegno continuo di numerose associazioni. E’ questo il motivo per cui Digit Campania, società in house della Regione, ha realizzato uno spot da diffondere sui circuiti di tutte le emittenti nazionali e locali.

L’iniziativa è stata presentata dal presidente del Corecom,  Gianni Festa, questa mattina nella sala Nassirya del consiglio Regionale.

“'Con questa iniziativa - afferma Festa – si intende contribuire ad affermare l'impegno per la tutela dei minori dando concretezza alla delega conferita dall'Agcom al Corecom Campania che ha inteso realizzare un breve, ma incisivo filmato, che si propone l'educazione dei minori contro ogni pericolo di devianza sociale. Ciò soprattutto per la realtà della Campania dove il fenomeno delle violenze sui minori ha cifre ragguardevoli, nonostante l'impegno di numerose associazioni che si interessano del problema”.

Dicevamo lo spot realizzato da Digit Campania: il conferimento di questo tipo di lavoro alla società in house della regione riporta a galla la polemica nata dopo l’assegnazione di fondi a quest’ultima. A Digit Campania, infatti, sono andati contributi considerevoli che riguardano la comunicazione, escludendo gli altri operatori dell’informazione in Campania. Stiamo parlando di un milione e 90 mila euro. Ecco perché certe domande, in occasioni come quelle di questa mattina,sorgono spontanee. Perché, ci chiediamo, è stato fatto realizzare uno spot da Digit Campania per distribuirlo poi alle televisioni locali togliendo così anche la possibilità a queste ultime di avere dei soldi? A sentire il presidente del Corecom, dato che si tratta di una società in house della Regione Campania, questo è un modo giusto per risparmiare dei soldi. Ma, continuiamo a chiederci, a Digit non vanno dei soldi? “Non conosco la storia della società”, replica ancora Festa.

Per il presidente del consiglio Regionale, Paolo Romano, invece il caso non sussiste: “Troppe polemiche – sottolinea – anche quando non servono”. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©