Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sicignano (Pdl): Ora basta! La vicenda è gravissima

Il degrado della Villa Comunale stabiese finisce sul giornale della Conferescenti di Reggio Emilia


Il degrado della Villa Comunale stabiese finisce sul giornale della Conferescenti di Reggio Emilia
14/11/2009, 10:11

«Il degrado della villa comunale stabiese arriva anche in Emilia Romagna» la scoperta è del Circolo della Libertà stabiese che ha scovato su internet un giornale edito dalla Confesercenti di Reggio Emilia, “Il Commercio Reggiano” in cui si critica pesantemente l’arenile stabiese. In particolare, sul mensile dell’associazione delle imprese italiane del commercio c’è un articolo, in cui si narra di una visita nel comune stabiese di alcuni anziani, che hanno partecipato ad un soggiorno promosso dalla FIPAC – Confesrecenti, in cui, nell’elogiare la bellezza della città di Castellammare, si fa espresso riferimento a due cose che hanno rovinato un così bel soggiorno: “la spiaggia di sabbia vulcanica – si legge nell’articolo - ma tremendamente sporca e la bellissima passeggiata dove erano più i cani che la gente, con escrementi da ogni parte. Tutto questo azzera cosa la città offre: la cortesia dei cittadini, i bei negozi e la bella passeggiata al mare”. Furioso il consigliere comunale del Pdl, Antonio Sicignano, che ha annunciato di voler presentare nei prossimi giorni una interrogazione urgente al sindaco della città delle acque. «La vicenda è gravissima – spiega Sicignano – perché non è la prima volta che turisti che hanno visitato la nostra città si siano poi lamentati. E non si dica che gli emiliani hanno un pregiudizio verso la nostra città, perché i problemi lamentati sono sotto gli occhi di tutti e, poi, nell’articolo si fanno tanti elogi alle bellezze naturali della nostra città. Purtroppo ancora una volta emergono le difficoltà di chi ci amministra che non è in grado nemmeno di evitare che la villa comunale sia piena di escrementi dei cani». Conclude Sicignano: «Ora basta, si inizia con un serio progetto di cambiamento, perché Castellammare non può più aspettare. Intanto - aggiunge Sicignano - spero che questa volta il sindaco, per il bene della città, chieda scusa agli anziani di Reggio Emilia e non attacchi pure loro come avvenuto in passato con altri turisti stranieri in vicende analoghe»
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©